domenica 20 dicembre 2009

.... e quando sembra che ti ritrovi....

... ti rendi conto che tutto è effimero, instabile e imprevedibile...

Un'incidente , una telefonata, la disperazione dell'ignoto, la speranza, un sonnifero, il viaggio, la consapevolezza, il pianto, le parole, l'insonnia, un alloggio, un reparto, i dottori,le infermiere, ancora parole,i sogni, i pianti, i messaggi, le chiamate, ancora pianti, il risveglio, i deliri, le prime parole, il primo sorriso, il primo cibo, la rabbia, i primi passi, il trasferimento, la convalescenza, il ritorno, il ricovero e finalmente a casa...

L'esperienza più bella, sfiancante e dolorosa della mia vita... la vita da e la vita toglie, con me è stata generosa, solo per due ore ho provato la perdita... ma grazie a Dio era solo paura!

E' qui con noi, il resto è nulla...

Ti voglio bene,
mamma...

Per chi volesse, qua c'è tutta la storia...

***

3 commenti:

  1. da quel giorno sono passate parecchie settimane.. ormai è passato... e il 2010 sarà per te sicuramente un anno fantastico... non lo posso sapere... ma lo spero con tutto il cuore.

    s.c.

    RispondiElimina
  2. Già, ma per me è impossibile non fare i bilanci di fine anno... e questo nonostante tutti i suoi "drammi" è stato un anno eccezionale!
    Se il prossimo fosse anche solo la metà di questo... sarà di certo un anno fantastico!
    Ciao, Bone...

    RispondiElimina
  3. ... ah. dimenticavo... chiunque tu sia, grazie delle tue parole!
    Ciao!!

    RispondiElimina

Purtroppo causa mentecatti che mi stanno spammando ho dovuto mettere la moderazione dei commenti... scusate ma a mentecatti estremi... estremi rimedi! ;-)