giovedì 10 febbraio 2011

Storia di una tenda che avrebbe voluto fuggire via!

Una notte di vento... sono a letto... osservo la mia finestra.

Fuori dalla finestra la tenda vola nel vento,...
una folata la alza, è talmente forte... che vola parallela.
-Sì, posso farcela,- sembra dire,
-E' la volta buona, vai vento soffia forte...-
-Fammi fuggire...-
...va su... sempre più su... sempre più forte!

Ma ad un tratto... il vento si placa e lei piano si abbassa.
Un lembo accenna appena...
sembra saluti chi non può seguire...

Un altro colpo di vento... lei è di nuovo fuori!
-Maledetta bacchetta lasciami andare ti prego...
... fammi volare via!-

Ma il vento cala di nuovo e lei cede...
triste smuove ancora quel lembo...
... come un ultimo saluto...
...ora non c'è più vento...

-Aspetto quel vento forte che riesca a portarmi via.
Io intanto guardo il mondo da dietro i vetri... è sempre lo stesso vedere, ma che posso fare? Io aspetto, prima o poi
il vento mi porterà lontano...-

Il vento si è calmato... io sono a letto e osservo la mia finestra...
                                                                

16 commenti:

  1. Mamma mia che bella questa poesia.
    Spero che non sia veramente reale, e che tu possa volare come una farfalla. "libera"
    Buona giornata cara Sara.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. ciao SAra, potrei star per dire una stupidata colossale ma.. la poesia che hai scritto per caso l'avevi già postata (almeno simile?) perchè mi è famigliare.. ma non so se è frutto della mia mente contorta, di un mio sbaglio colossale o frutto di un ricordo....
    Comunque molto bella...la voglia di fuggire, di uscire ma di non riuscirci, senza però rinunciare, pronti a riprovare ogni volta che soffia un po' di vento.
    baci
    s.c.

    RispondiElimina
  3. Scusa quindi tu sei la carceriera togli il gancio ed aspetta la prossima folata...;-)

    RispondiElimina
  4. Bella.
    Si passa dalla SPERANZA (aspetto quel vento forte che riesca a portarmi via) alla RASSEGNAZIONE (Io intanto guardo il mondo da dietro i vetri).
    Per arrivare poi all'ACCETTAZIONE (Il vento si è calmato... sono a letto e osservo la mia finestra).
    La sintesi di tutti gli stati d'animo è racchiusa nella metafora della tenda.

    Brava Sara
    Ciao

    RispondiElimina
  5. Grazie Tomaso!
    E' reale?.. sai che non lo so!
    :-)
    ciao e grazie di tutto!!

    RispondiElimina
  6. No, non sei matta, l'avevo messa e poi tolta...

    Speriamo che il vento torni presto!!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  7. Mark... sei sicuro che io sia la carceriera?
    mmmh..

    RispondiElimina
  8. Gianni... che grande!!
    Una domanda:
    Ma dopo la speranza la rassegnazione e l'accettazione.. c'è ancora qualcosa.. o no?

    RispondiElimina
  9. Cara Sara, che bella storia, non so se ti leggo nel modo giusto. Per me, da come ti percepisco, hai la capacità di raccontarti in un modo così personale che mi sembra di conoscerti da tempo. Non è mica da tutti sai! Scusa se non rispondo alcune volte, ma sono fuori casa e qui la connessione è LENTISSIMA e quindi entro poco. Un salutone.

    RispondiElimina
  10. a furia di strattoni, qualche gancio si allenterà e basterà un soffio di vento, per librarsi felice. Capito? :)

    RispondiElimina
  11. Prima di tutto, cara Tiziana, con me non ti devi scusare... ok?

    Si, leggi benissimo... quella tenda sono io! La poesia mi è venuta una sera di quest'estate, la tenda volava davvero e io con lei... ma i ganci, per ora, son ancora li...
    Grazie!
    Con affetto!
    A presto!

    RispondiElimina
  12. Si cara... ancora qualche stratto e forse mi libererò di quello che mi tiene... ma sai che on ho ancora capito che cos'è quel gancio?
    Chi vivrà vedrà! :-D
    Un abbraccio a te!
    A presto!!!

    RispondiElimina
  13. Io intendevo per le sole tende...o c'è un fraeintendimento anche questa volta?

    RispondiElimina
  14. Quella tenda, nonostante voglia fuggire via, forse appare inconsapevole della sua fondamentale funzione. Quella tenda, che aspetta cause di forza maggiore per potersi abbandonare, magari non sa che è importante per chiunque cerchi "riparo" dagli "invasivi" raggi di sole. Quella tenda ha la straordinaria capacità di filtrare la luce che a volte, indiscreta, s'intrufola dall'esterno. E c'è chi spera, c'è chi ha bisogno che quella tenda non voli via perchè nessuno potrà mai sostituire la sua mancanza...
    Un saluto :)

    RispondiElimina
  15. Ciao Mark! :-D
    Riusciremo mai a capirci al volo noi due? ;-)

    Certo, se parli delle tende che ho in casa, si, le tengo strette ai loro ganci, ma se la vedi come una metafora... la tenda chi è secondo te?

    RispondiElimina
  16. Wow Pierpaolo.... ma che bello quello che hai scritto!!
    Certo che a metafore sei messo proprio alla grande! Ma... sei sicuro di essere così giovane come appari in foto? WOW!


    Grazie di essere passato, mi sa ritornerò a leggerti di sicuro!
    Ciao!

    RispondiElimina

Purtroppo causa mentecatti che mi stanno spammando ho dovuto mettere la moderazione dei commenti... scusate ma a mentecatti estremi... estremi rimedi! ;-)