giovedì 10 marzo 2011

Intimità vs solitudine.

La definizione di intimità è complessa e riguarda vari ambiti delle umane relazioni. In generale essa si può definire come una condizione di particolare vicinanza, fisica e/o emotiva fra due esseri umani.
In senso romantico, l'intimità si ha quando la coppia si scambia effusioni, attenzioni reciproche o quando si trova in uno stato di particolare complicità,affetto e comunicazione autentica e sincera dei sentimenti e delle sensazioni.[...] Si dice, di una coppia affiatata, che essa gode di una buona intimità; in questo senso la parola intimità è utilizzata in modo appropriato solo con riferimento a una coppia che è legata da una relazione profonda e di lunga durata. Fonte Wiki

Ok sembra semplice a leggersi.. ma perché poi a fatti è così complicato?
In questa epoca di amicizie dove conta più il numero della sostanza dove la parola amicizia è largamente abusata, la coppia scoppia!.. e non solo quella!

Trovo che è sempre più difficile riuscire a stare in silenzio, anche tra amici... Prendiamo a quando si va in auto; o c'è la radio accesa o bisogna per forza dire qualcosa, qualsiasi sciocchezza è meglio del silenzio. In casa le chiacchiere non ci sono più, sostituite dal chiacchiericcio della tv o dal ticchettio dei tasti del pc...

Ultimamente c'è questa bellissima tendenza a darsi agli altri; il volontariato è sempre più forte ci si butta nel sociale per la voglia di esserci... E' vero, ma alla fine della fiera  nel proprio cerchio non facciamo entrare nessuno, della serie; siamo amici ma stammi giù di dosso!
Ci son sempre meno problemi a fare sesso col primo che si incontra, ma un abbraccio è visto come un intrusione... Cos'è che fa paura dell'intimità? E' davvero così difficile entrare in intimità con qualcuno?
Cos'è questa paura di fidarsi; faccio sesso con te ma per me non conti nulla! E' la sindrome dell'abbandono che ci fa dire; stiamo insieme ma sappi che non ti amo? O è l'assenza di identità personale che ci impedisce di entrare in intimità con qualcuno? Probabilmente  significa in qualche modo esporsi, scoprirsi e abbandonarsi e questo ci rende vulnerabili...
E' davvero questa la grande  paura? La vulnerabilità?

Be' se è questo è un peccato, perché vivere perennemente sulla difensiva... alla lunga sfianca. 
Ma se invece di affidare al nostra vita ad un social network avessimo un po' più di individualità e consapevolezza, magari riusciremmo  ad entrare in intimità rispettando comunque la singolarità di chi ci sta vicino... Che sia questa la soluzione a questa soffocante solitudine? L'individualità per contrastare la vulnerabilità e ritrovare l'intimità perduta?!

Voi che dite?


20 commenti:

  1. C'è chi mentendo a se stesso definisce, a se ed agli altri, intimità la solitudine. Ben conoscendo il significato di entrambe gli stati d'essere.

    Un sorriso e buona serata!!

    RispondiElimina
  2. Si Cosimo è vero... ma ci avviamo ad un epoca di intima solitudine... che sempre solitudine è...
    Io vedo tanta gente che pensa che sia bello essere intimamente soli.. ma io non vedo traccia di felicità nei loro occhi
    Che piaccia e che sia desiderata posso anche crederci, ma che in questo ci si ritrovi rifugio... non equivale a "non vita"?

    Ovviamente la mia non vuol essere una polemica ma mi piacerebbe capire come sta andando il mondo..

    Grazie e buona serata a te!!

    RispondiElimina
  3. E' un discorso molto complesso. Ognuno con il proprio carattere, con le doti personali, con i vari imprinting che ha ricevuto durante la propria vita, permette o non permette di relazionarsi agli altri in maniera assolutamente personale. La definizione di intimità diventa davvero complessa, perché raccoglie un'infinità di molecole del nostro io, che, secondo me, è impossibile da catalogare. Il pregiudizio rimane in attesa, e si potrebbe perdere in obiettività.

    RispondiElimina
  4. Vero Tiziana, la parola stessa è di difficile interpretazione, la dove la metti cambia il suo significato..
    Qua non deve entrare il giudizio, ci mancherebbe, ma la comprensione.

    Quello che sta succedendo è li da vedere, la coppia stessa fa fatica a reggere, i rapporti non vanno più alla lunga di qualche settimana e le unioni reggono sempre meno... anche le amicizie sono impossibili...
    La mia domanda, che non vuole essere assolutamente un giudizio, è solo una.. cosa sta succedendo?

    RispondiElimina
  5. I tempi cambiano, si evolvono, in un lampo. Difficile fare considerazioni sui cambiamenti, perché le persone cambiano insieme a quello che ci sta intorno. Intorno a noi non ci sono cose entusiasmanti.

    RispondiElimina
  6. Questo è vero... la situazione attuale non aiuta..
    Aspettiamo tempi migliori allora! prima o poi succederà!!
    :-))

    RispondiElimina
  7. Io avendo vissuto tanti anni or sono. queste problematiche non mi sono mai venute!!! è un discorso unico che molti di una volta non lo comprendo,io sono uno di quelli
    questa intimità che se ne parla tanto quando c è e è sincera pronta a tutte le rinunce necessarie per conservare una cosa che può durare sempre... Purtroppo oggi il mondo è sordo di queste cose...
    Cara Sara spero che tu mi abbia perfettamente capito!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  8. Caro Tomaso!! Io pure sono della tua idea...ed è forse per questo che mie riesce difficile capire cosa sta succedendo!Ti capisco benissimo.. eccome se ti capisco!
    :-))

    RispondiElimina
  9. Io credo, anche x questione caratteriale, che nn sia possibile entrare in intimità con tutti. Ci sn persone che capiscono tutto di te, altre nulla...e x capirti devono imparare a conoscerti e ci vuole tempo e pazienza, che nn tutti hanno E' sempre stato difficile creare veri rapporti, ora lo diventa ancora di piu' cn sto' fatto di internet, della conta del numero di amici, dei rapporti fittizi. Internet t fa credere che si..puoi avere 150 amici cn cui parlare, te ne da l'illusione almeno...ma alla fine chi t stara' vicino sono i soliti 2 gatti che puoi sentire e vedere anche senza l'aiuto di internet ;)

    RispondiElimina
  10. la solitudine può far bene per brevi periodi.. per guardarsi dentro.. ma alla fine.. fa solo soffrire.. e te lo dice una che ne ha sofferto per molti anni.. si vuole qualcuno... non è bello esser e sentirsi soli ma spesso non è solo la paura di soffrire a farci prendere le distanze, putroppo alle volte uno si ritrova solo senza volerlo perchè sono gli altri che ti lasciano solo perchè magari non ti vogliono accettare.
    Purtroppo oggi giorno si è sempre meno inclini a voler acettare l'altro per quello che è (difetti compresi) e si cerca di cambiarlo, se non ci si riesce, semplicemente si rompe l'amicizia senza dar spiegazioni...e alla lunga uno si sente demoralizzato e smette di cercare l'amicizia...
    Per quanto riguarda l'intimità fisica anche solo per quanto riguarda un abbraccio... non posso dir nulla... dalle mie parti non è proprio un abitudine abbracciarsi ecc (come dicono dalle mie parti.. siamo orsi hihi)perciò non sempre viene normale tra amici... ma se oggi uno mi chiedesse un abbraccio non credo che glielo negherei.
    ciao
    s.c.

    RispondiElimina
  11. ATTENZIONE: Blogger di giovane età individuato. Non conosce abbastanza la vita da poter dare la giusta risposta. ATTENZIONE: Il commento sta per chiudersi con un semplice abbraccio fra 3....2....1..... \o/

    RispondiElimina
  12. Ci sono cose e situazioni che mi fanno paura e mi lasciano un grande vuoto dentro, un senso di sconfitta e di imcomprensione...nell'arco di poco tempo tante delle nostre coppie di amici si sono separate o lasciate all'improvviso senza dare grandi segni evidenti di malessere, da un giorno all'alto queste coppie sono entrate in crisi e si sono divise, a volte per colpa di uno, a volte per colpa di entrambi. Io da esterna non ho potuto far altro che guardare impotente e chiedermi e chiedere perchè. Il fatto orribile è che nella maggior parte dei casi un vero e proprio perchè non c'è, una motivazione valida che mi spinga a pensare che la scelta è stata giusta io non l'ho sentita, nè trovata. Certo è molto facile giudicare da fuori e trarre le proprie conclusioni, soprattutto se le persone fanno fatica a confidarsi e a raccontarsi...una cosa è certa però, ho trovato un grande muro che è stato impossibile abbattere, tra loro e me, e purtroppo anche tra di loro...

    RispondiElimina
  13. Gia Dreamy.. penso che il pericolo maggiore sia proprio questo, nascondersi dietro ad un monitor senza più mettersi i gioco... e a questo punto il pericolo dell'intimità, che ammettiamolo è faticoso ed impegnativo, è scongiurato.
    :-)

    RispondiElimina
  14. Mi da l'impressione che solitudine generi solitudine ed è più facile chiudere il mondo fuori che affrontare il problema... Non sarà anche questo uno dei problemi?
    Sarà che la fragilità è alla base di tutto? Boh.. non so nemmeno io...
    Più ci penso e mano ci capisco! ;-)
    Ciao Silvia! :-))

    RispondiElimina
  15. Mi è esploso l'abbraccio appena ho aperto... wow che botto!!
    Sei simpaticissimo.. davvero!!!
    Un abbraccio esplosivo anche a te!
    -3..-2..-1...\o/
    :-D

    RispondiElimina
  16. Nella tua risposta vedo che hai capito perfettamente quello che volevo dire... "mi lasciano un grande vuoto dentro, un senso di sconfitta e di incomprensione..."
    Ecco anche il mio stato d'animo Ila! Anche io come te non ho la presunzione di voler giudicare, ma vedo che concordi che appena c'è u problema, si tira su un muro e.. chiuso!
    E da questi fatti che racconti che si vede c'è l'intimità non c'è più.. nemmeno tra amici!
    Io no dico di essere come me che esagero sempre nei rapporti con gli altri, ( mi rendo conto che la mia apertura non sempre è accettata)... ma tra me che esagero in troppo e altri che chiudono il tutto.. ci sarà un giusto mezzo?
    Ci sarà un ritorno alla confidenza e alla voglia di appoggiarsi agli altri?
    ......

    RispondiElimina
  17. i social network hanno tanto successo perché la gente rifugge l'intimità. Dietro a un monitor si può essere uno, nessuno e centomila, indossare una maschera ed essere ciò che vorremmo o ciò che la società ci chiede. Per me invece l'intimità è tutto. E' il porto in cui essere me stessa, in cui trovare conforto e consiglio. Soprattutto è lo spazio in cui so che non sarò giudicata ma capita...

    RispondiElimina
  18. E' fantastico ciò che dici!!
    Hai colpito dritto nel segno!

    Allora è vero che l'intimità è fatica... e forse fa anche paura!
    Sai una cosa... mi sto rendendo sempre più conto che è la felicità stessa a spaventare! Talmente assuefatti all'infelicità che il cambiamento positivo fa paura...

    RispondiElimina
  19. Ciao Luigi!
    Grazie di essere passato e di aver deciso di fermarti un attimo!!
    Spero di rivederti presto!
    Ciao!
    :-))

    RispondiElimina

Purtroppo causa mentecatti che mi stanno spammando ho dovuto mettere la moderazione dei commenti... scusate ma a mentecatti estremi... estremi rimedi! ;-)