venerdì 23 settembre 2011

Sull'onda di un ricordo... A volte la vita...


Qui di seguito ci sono le ultime parole del mio ultimo post:
In questi giorni metterò qualcosa, magari sarà qualcosa di già scritto, magari sarà noioso. Ci saranno tante parole per esprimere un sentimento o due righe per raccontare un grandissimo cambiamento. 
Il titolo già c'è: Sull'onda di un ricordo... ora devo solo aggiungere la storia.
Non voglio tediare nessuno, se annoio vi prego non leggete...  ma ora c'è questa mia necessità e forse per la prima volta voglio mettere me stessa prima di tutto. Non so cosa ne verrà fuori, ma  il risultato sarò sicuramente Io!
Ho scritto parecchio in questi giorni e questo a seguire  è uno dei tanti capitoli della mia vita...

 
A volte la vita...

E' inverno, il nostro primo inverno insieme. La casa non è mai stata scaldata e fa freddo, freddo davvero! In cucina abbiamo una stufa a legna che scalda anche il salotto ma in camera il suo calore non arriva... la stanza è avvero gelida infatti la condensa sui vetri... è ghiacciata!!
Allora pensiamo a qualcosa per non morire assiderati. Prima proviamo a spostare il materasso in salotto. La stanza è vuota visto che il divano non c'è, così possiamo anche goderci il caldo del camino. Romantico direbbe qualcuno... già peccato che quando c'è bassa pressione faccia un fumo incredibile e sia impossibile dormirci. Qualcuno  ci consiglia (?) di mettere in camera da letto un braciere... wow che bella idea(??)! Noi,  da incoscienti quali siamo... lo facciamo!(???)

Mettiamo le braci che ci sono nel camino nel braciere, chiudiamo la porta, andiamo a letto e ci accoccoliamo sperando in un poco di tepore. Sarà la stanchezza della giornata o il tepore del braciere, ma sta di fatto che ci addormentiamo in fretta tanto che rischiamo di non svegliarci nemmeno più!

Io sto dormendo, o così credo, ma sento che la testa mi pulsa e il cuore pompa a mille... ma, porca miseria, non riesco a svegliarmi. Le braccia si fanno pesanti non sento le mani e non riesco a muovermi. So che mi devo svegliare assolutamente altrimenti è finita!

Da lontano mi giunge la voce di Claudio che mi dice che mi devo muovere, che devo svegliarmi...
- Sara... Sara svegliati... svegliati Sara...-
Ma non ci riesco, non riesco  a muovere un solo muscolo!

Lui, non so per quale forma di fortuna è stato svegliato da un forte dolore al braccio destro. Il braccio intorpidito ma riesce a muoversi e con i piedi mi spinge giù dal letto. Una volta  terra trovo quel poco di ossigeno rimasto nella stanza. Anche ora lui è a terra e insieme ci ritroviamo a  strisciare. Io verso la finestra e lui verso la porta! Non so dove ho preso tutta quella forza ma riesco ad aprire la portafinestra e finalmente respiro ossigeno!

Rimaniamo a terra storditi, infreddoliti e stremati, ma siamo ancora vivi! Battiamo il pavimento sperando che la nonna che vive sotto ci senta e chiami un medico1 Ci sente, sale da noi e lo spettacolo che le si presenta davanti la spaventa, guarda se siamo tutti e due vivi e chiama il dottore che in un vento è li da noi.

Intossicazione da monossido di carbonio è la diagnosi. 
Siete dei deficienti è la sentenza. 
Un gran mal di testa è la punizione.

16 commenti:

  1. Azz, meno male che tutto si è concluso per il meglio, mannaggia però, quelle robe sono tremende. E poi cosa avete fatto per risolvere il problema freddo?

    RispondiElimina
  2. Accidenti che esperienza
    meno male che è andato tutto bene
    un saluto Tiziana

    RispondiElimina
  3. Ciao Paòlo!
    Abbiamo risolto che una zia presa da pietà, visto che eravamo davvero senza un soldo ci ha regalato lo scalda sonno! La sera ci si metteva il pigiama in cucina e poi di corsa(letteralmente) sotto le coperte!

    :-)

    RispondiElimina
  4. Ciao Tiziana!!
    Si, è andato tutto bene!!
    Ancora ci chiediamo come ne siamo usciti vivi!!
    Un saluto a te!
    :-)

    RispondiElimina
  5. Mamma mia che esperienza!!!
    Quando si dice non essere destino di andarsene un certo momento!
    Sicuro è che ognuno fa le proprie incoscienze... anche loro fanno parte di ciò che siamo! :)
    L'importante però è che sia andato tutto bene!! :)
    Buona serata
    Elan

    RispondiElimina
  6. Certo che anche quello che vi ha consigliato...
    Certo che ciò che non ci uccide ci fortifica però insomma... vabbè, tutto è bene quel che finisce bene.

    RispondiElimina
  7. ho scritto 2 volte "certo" nello stesso commento, non va bene.
    Ops.

    RispondiElimina
  8. Se c'è una cosa che detesto è il freddo!
    Questa è la prima casa che trovo dove il freddo non esiste quasi, vuoi il sole tutto il giorno e basta una stufa apellet per risolvere..
    Hai descritto benissimo ciò che ti è successo, mi sembrava di essere lì.
    Ciao, Sara, ti abbraccio e ti ringrazio per la dolcezza che hai sempre nei miei confronti.

    RispondiElimina
  9. cacchio ve la siete vista brutta!!!

    RispondiElimina
  10. L'hai descritta bene questa brutta esperienza che avrebbe potuto lasciare il suo segno indelebile.
    Non credo nel destino, tuttavia a volte dei piccolissimi accadimenti possono decidere il nostro futuro.

    "A volte, sull'onda di un ricordo
    la vita sembra sfuggirmi di mano
    e andare per suo conto
    come foglia
    schiava di ogni vento
    come onda
    suddita della marea."
    un caro saluto, a presto

    RispondiElimina
  11. Diamo colpa all'incoscienza va... avevo diciannove anni... a quell'età c'è solo quella!
    Ma si dai, è andato tutto bene!
    Grazie e un salutone a te!

    RispondiElimina
  12. Si certi consigli vanno dati con cognizione... ma anche ascoltarli però!
    Certo che scrivere certo due volte.. imperdonabile!
    Un sorriso ed un abbraccio!

    RispondiElimina
  13. .. e in quei giorni il freddo era davvero.. freddo!

    Grazie a te Cara Giglio che mi riservi sempre tutte queste attenzioni!
    A presto!

    RispondiElimina
  14. Si Federica.. io sapevo quello che stava succedendo e non riuscivo a fare nulla!
    Devo la vita al mio signor Tomo!
    Un abbraccio..

    RispondiElimina
  15. Vero carissimo Wiska... per noi sarebbe finito tutto e la vita per chi rimaneva non sarebbe stata la stessa...

    Ma che bei versi... scusa l'ignoranza.. è tua?

    RispondiElimina
  16. Dicono che "sbagliando s'impara". Fortunatamente avete ancora tempo per mettere in atto quanto appreso. A volte la vita non ti concede nemmeno di commettere errori... Maledetto monossido...

    Un abbraccio :)

    RispondiElimina

Purtroppo causa mentecatti che mi stanno spammando ho dovuto mettere la moderazione dei commenti... scusate ma a mentecatti estremi... estremi rimedi! ;-)