domenica 1 dicembre 2013

Scena seconda, atto primo; il vero inizio!

Qua per leggere il capitolo precedente....


Ormai siamo in aeroporto da parecchie ore, Tomo tiene d'occhio la fila al check-in della Tam per vedere se diminuisce... nulla da fare è sempre più lunga, mettiamoci in coda prima di perdere l'aereo!
Be'... giuro che mi son sentita carne da macello prima e un criceto poi! Tutti canalizzatati per fare il Check-in elettronico, poi un criceto per arrivare alla spedizione dei bagagli, donne urlatrici sbraitano il numeri dei voli in partenza o addirittura partiti, gente che continua a guardare l'orologio sbuffando e scalpitando, bambini che corrono avanti e indietro tra i nastri... c'è il mondo e sembra tutto impazzito!
Finalmente tocca a noi, consegniamo i bagagli e passiamo il Gate... wow, che silenzio!
Questa volta non ci facciamo cogliere impreparati, ci piazziamo davanti all'imbarco!

Finalmente imbarcano e son dodici ore che abbiamo lasciato la stanza... santoiddio come sono stanca!
Oggi non mi va così bene, l'aereo è pieno ma son solo tre ore di viaggio, va bene! Ma saranno le tre ore più lunghe... mi viene un mal di testa che quasi vomito! Mi alzo, mi siedo, cambio posto e arrivo anche a sedermi in terra davanti alla porta di emergenza... ma per poco, uno steward mi vede e mi chiede che c'è... è di una gentilezza squisita! Si assenta un attimo e mi porta un panno caldo adducendo che la causa può essere la pressurizzazione dell'aereo... be' sì, può essere perchè anche al Tomo fanno male le orecchie!

Ma finalmente si atterra e con l'atterraggio il mal di testa passa... son le tre e son stanca da morire!
Prendiamo i bagagli che sono i primi ad arrivare, usciamo e troviamo Adjialma, il tassista che i gestori della casa che abbiamo affittato ci hanno mandato.
Ancora non sappiamo dove andiamo a finire, la casa l'ha trovata il Tomo su internet... non abbiamo mandato soldi, per carità, ma si sa che dalle foto alla realtà a volte c'è una grandissima differenza. Infatti la mia preoccupazione aumenta con la stanchezza!

Adjialma per evitare la strada più lunga passa in mezz'in mezzo e ci fa fare stradine talmente brutte che inizio a preoccuparmi! Parla di ladrones e della pericolosità di quella zona di Fortaleza, ai semafori rossi non si ferma e se ci son le telecamere rallenta tanto prima lanciando sguardi a destra e sinistra... chiacchiera a più non posso e io ne ho già abbastanza! E quello che vedo lo trovo davvero uno schifo! Dentro di me penso davvero a: ma che cazzo di posto è questo... dove stiamo andando????
Continua a fare stradine una peggio dell'altra, ogni tanto prende qualche strada decente ma l'andazzo rimane quello!

Finalmente usciamo dalla città ma essendo buio quello che vedo è un buio assustador!
Ci dice che mancano ancora cinquanta chilometri al paese... ommiodio... cinquanta chilometri su 'ste stradine?!? Basta mi arrendo, mi metto la borsa sotto la testa e mi butto sul sedile... sia come sia ora dormo! Sento che la macchina si ferma mi tiro su convinta di essere arrivata... e invece siamo fermi da un benzinaio... il piazzale è di terra, quattro camion, due pompe e il nulla... Andiamo sempre meglio.. la pioniera che pensavo fosse in me è definitivamente andata! Meglio che continuo a dormire!
Sento che il tassista inizia a raccontare del paese.. mi tiro su e ascolto... mah!

Ed ecco che finalmente arriviamo, vedo solo un muro e un portone verde e tanta polvere... ci aprono e ci fanno entrare... sarà la stanchezza, sarà la paura che mi son presa che appena scendo dall'auto penso: domani cambio data ai voli riprendo il taxi e me ne torno a casa!

Arriva il guardiano che ci apre, luce fioca, arredamento minimalista e un caldo infernale! Ma... se riprendessi il taxi e nemmeno aspetto domani???
Sono in preda ad una rabbia che, come sempre, faccio fatica a reprimere! Tomo va a letto attacca il ventilatore che inizia un fastidioso tac tac tac... meglio che esco fuori altrimenti do di matto! Fuori c'è un po' d'aria.. mmh va meglio, ma sono sempre incazzata! Albeggia e mando un messaggio al fanciullo: arrivati ma con la voglia di ripartire! Se devo essere scocciata, che lo siano anche gli altri!
Mi metto sul divano che è più un letto e finalmente mi addormento!

La mattina Tomo si alza e per darmi corda (povero) si dice d'accordo di andarcene da li a un paio di giorni... Facciamo un caffè ed usciamo... continuo a borbottare come mio solito ma qualcosa sta cambiando! Il sole è altro, batuffoli di nuvole corrono veloci, l'aria è fresca e l'ambiente non è poi così terribile! Anzi, vi dirò di più... mi piace e anche tanto!






La casina nostra


ancora casina nostra






Arrivano Paolo e Gabriella i nostri vicini di casa a salutarci e le trovo già da subito due persone splendide! Iniziamo a raccontare l'arrivo e io descrivo l'impressione... non sono sorpresi, anzi, capiscono che dopo un viaggio con il tassista  è facile cascare nella paura ma è l'unico fidato!

Carlo da ottimo vicino di casa si rende disponibile per portarci a fare la spesa e noi accettiamo! Son sincera, ho paura di trovare un'altra Fortaleza... ma dai che andiamo!
Be'... che dire, non faccio che ripetere... ma che sorpresa, ma che carino, ma che bella chiesa, ma che bella piazza!

Ci fermiamo un attimo vicino al mare e Paolo ci mostra la spiaggia  che ora non c'è,  e ci spiega che le maree son talmente forti che appena si abbassano la spiaggia diventa lunghissima!
Riprendiamo la strada e ci porta in un supermercato che nulla a che vedere con quelli  a cui siamo abituati ma ha il suo fascino! Pazientemente ci mostra quello che ci serve e ci consiglia quello che potrebbe servirci! Facciamo la prima spesa poca roba... magari torniamo domani.









Torniamo a casa e mi sento davvero sollevata, nel centro di Paracurù ho trovato la leggerezza che cercavo... sarà il mio posto? Ancora non lo so... ma dal mio profondo del cuore lo spero davvero!

12 commenti:

  1. Ma sai che i colori sono proprio belli? C'è un mix quasi carnevalesco (ma estivo) di sfumature!
    E anche la vostra casetta sembra bellina! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è davvero bello tutto.. ogni giorno c'è qualcosa di bello!
      La casa è davvero bella, e la zona è perennemente ventilata e tutto sommato verde... un paradiso!!
      Grazie Moz!!

      Elimina
  2. ciao Sara, mi sembra il paradiso terrestre, stupendo posto, grazie per la bella carrellata , io starei li', sembra un altro mondo, carinissima la casetta , anche se non ci sono tutte le comodita' che abbiamo qui, ci farei un pensierino, ciao grazie buona settimana a presto rosa.) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, appena si arriva sembra che manchi tutto, poi ti rendi conto che non serve altro di quello che c'è in dotazione! Basta una pentola per l'acqua, una per friggere, piatii bicchieri e posate, una bacinella per l'insalata e poi?
      Certo vivessi sempre qua magari mi prenderei un forno e un frullatore, solo per la frutta che c'è... sai che frullati?!?
      Be' se c pensi fammelo sapere che qua ci sono altre case come questa in affitto!!
      Un bacione a te Rosa!!
      Grazie!

      Elimina
  3. che foto stupende! quelle casine sono deliziose ^__^
    ti auguro di cuore di aver trovato ciò che cerchi.
    ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che ci siamo quasi!!!
      Ti abbraccio pure io Meraviglia!!
      :-)

      Elimina
  4. E' proprio vero che il nostro stato d'animo condiziona anche ciò che c'è fuori. Eri incazzata e stanca e tutto ti sembrava brutto. Il giorno dopo, riposata e tranquilla hai cominciato a vedere la bellezza. A me è capitata la stessa cosa in India!!!
    Buon proseguimento e attendo la prossima puntata
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene... mi sento un po' meno sciocca!
      Così è stato... ogni giorno è sempre meglio!!!
      Grazie della fedeltà Francesca, bacio!!
      :-)

      Elimina
  5. Cara Sara, dopo aver letto le tue avventure all'aeroporto, comincio pensare che oggi non so il perché viaggiare è più complicato di una volta... Sarà forse per la sicurezza, ma so che è molto imbarazzante queste situazioni.
    Poi arrivano le belle foto che mi hanno veramente affascinato, conosco molti luoghi di quella regione e posso dire che è così, una cosa ho notato nessuna foto che fa vedere qualche favelas, ricordo quando sono stato io molti anni fa ce n'erano parecchie specialmente nei dintorni di San Paolo.
    Ti auguro di continuare e di farci vedere sempre delle belle foto...
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le favles qua non ci sono, non come a San paolo comunque!
      Ora sono a Paracurù, nel nord del Brasile, esattamente nello stato de Cearà!
      Qua è più facile trovare belle immagini... e io ci proverà a condividere i tutto!
      Ciao e a presto!
      :-)

      Elimina
  6. la stanchezza fa brutti scherzi anche a volte ......e non sei stata un granche ....sia sull'aereo che dopo ....questo ci fa vedere che anche molte volte dobbiamo prima toglierci la sabbia dagli occhi e poi vedere ....questo vale anche per me ....sono istintiva e a volte questa mia istintività mi si rivolta contro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero:dobbiamo prima toglierci la sabbia dagli occhi e poi vedere! Bella questa tua frase e anche molto ..vera!
      Vero anche il discorso dell'istintività.... a volte siamo bravissime a boicottarci da sole!! ;-)
      Ti abbraccio e ti ringrazio!
      :-)

      Elimina

Purtroppo causa mentecatti che mi stanno spammando ho dovuto mettere la moderazione dei commenti... scusate ma a mentecatti estremi... estremi rimedi! ;-)