domenica 15 giugno 2014

Non hai più tempo...


La Fanciulla sta camminando da tanto tempo ormai... da sempre la nebbia le impedisce di vedere oltre i suoi passi... ma si sa, lei è una Guerriera di Luce, mai si è arresa e mai si arrenderà. Il percorso è sempre più impervio e lei arranca sempre e ancora. 
Più il cammino è duro più la Fanciulla si rende conto però che è sempre più sola. Certo, molti si sono avventurati con lei, tanti hanno fatto qualche tratto inseme a lei, ma altrettanti se ne sono andati. C'è chi si è fermato per una sosta, chi ha cercato di trattenerla con sensi di colpa, c'è chi ha urlato il suo nome arrabbiandosi dell'abbandono e chi semplicemente ha cambiato sentiero... Durante il percorso però ha scoperto che la solitudine è bella, che quel silenzio da spazio alla sua voce e i suoi pensieri si fanno più concreti.

Ma un bel giorno la nebbia improvvisamente si dirada mostrandole un sentiero pieno di luce. E' bello, davvero bello, ma nonostante la strada sia pianeggiante lei ancora non vede la fine... l'orizzonte le pare ancora lontano. A volte, nel suo incedere si ritrova a comprendere la bellezza di quel che vede quasi senza sforzo. Sì, qualcuno le dice pure che è fantastico che lei apprenda così, senza apparente sacrificio, dimenticandosi spesso quelle grandi sofferenze passate e la perseveranza del voler capire.

Continua a camminare  la Fanciulla dei capelli color del sole, a volta accecata  dalla troppa luce e talvolta a tentoni nel buio più oscuro... ma lei cammina sempre nella meraviglia della continua scoperta.

Un giorno nella luce di un pomeriggio tardivo arriva in cima alla montagna.... i suoi occhi si riempiono di incanto e rimane in un muto stupore alla vista di quello scenario. E bello... è bellissimo, è meraviglioso, è splendido, è magnifico, è favoloso, è incantevole, è sbalorditivo, è straordinario... molto, molto, molto più di quanto avesse mai  immaginato!
-Ecco... eccolo li! Tanto ho cercato e ora... e ora è qui davanti a me!-

Ma sente l'urgenza di raggiungere quella sua dimora! 
-Non hai più tempo...-
Scende così a valle, cammina veloce con la gioia nel cuore, deve arrivare in fetta... 
-Non hai più tempo...-
A tratti si ritrova a correre nella luce delle ombre... 
-Non hai più tempo...-
Scavalca ruscelli e tronchi sradicati... 
-Non hai più tempo...-

Ma ecco che ad un tratto il suo cammino improvvisamente si blocca, davanti a lei si trova un immenso muro fatto di pietre... è alto, altissimo, quasi immenso!
-Bene, devo solo capire come fare ad oltrepassare ed è fatta- Sussurra sorridendo con le mani sui fianchi la Fanciulla....
-Ora so con certezza che c'è, so com'è fatto e... è fantastico! Bene, ci riesco!-

Il panorama è sempre bello e la Fanciulla torna sovente a riposare riempiendosi intensamente le gemme color del trifoglio...
Il panorama cambia ogni volta, ormai l'imbrunire è vicino, Quel che vede ora è sulla sfumature di una zucca a novembre, il cielo è inteso come una acero in autunno. Si guarda attorno e girandosi vede che alla sua desta è ormai buio. Alla sua sinistra, lo sapeva ancor prima di voltarsi, c'è Lui! Lui così maestoso nella sua luce bianca e gialla... Grandi tese luminose lo fan sembrare ancora più immenso! E' li in piedi vicino a lei,  non la tocca ma la Sua presenza l'avvolge come in un rassicurante  abbraccio di luce. 


Lei rimane rannicchiata, le sua braccia avvolgono le gambe che le sostengono il viso. Sorride nelle brezza calda nell'imminente sera, il muro sotto di lei è ancora li, intatto... ma non fa paura e non incute timore... rimane semplicemente li e la osserva!

La notte è arrivata, quel che rimane è il profilo nero di quelle amate montagne, le stelle si fanno luminose in cielo e l'aria rimane inspiegabilmente calda... non le rimane che attendere un'altro evento...

Oscurità è battaglia, agitazione e lotta. La Fanciulla in quella tenebra combatte la battaglia più dura, la più recondita ed esclusiva lotta... Il mattino la coglierà dolorante e sfatta, lei alzerà il viso alla sua diletta visione e con sorriso vedrà un' inaspettata breccia in quello sconfinato muro!

Ora è nella valle e da quella fenditura la Fanciulla vede la stessa fantastica scena... se vogliamo lo spettacolo a cui assiste è ancor più bello e reale... Ora è proprio li, in piedi dentro a quello squarcio. 
Lo sguardo è fisso e fiero, ma c'è un velo di paura, di timore reverenziale. Ci son questi sentimenti inspiegabili, quelli che il corpo con capisce... c'è trepidazione, indecisione, insicurezza, incertezza, esitazione, perplessità, titubanza  e sopratutto smarrimento. 
Lei ora è sola, ma sa bene cosa deve fare; un passo! Solo una passo che ne porterà un altro e un altro ancora... cosa l'attende è li da vedere in tutta la sua maestà... 
-Ora vai Tesoro... vai... adesso, ora non hai più tempo...-

Nessun commento:

Posta un commento

Purtroppo causa mentecatti che mi stanno spammando ho dovuto mettere la moderazione dei commenti... scusate ma a mentecatti estremi... estremi rimedi! ;-)