martedì 12 gennaio 2021

Folle è colui che si fa carico del dolore.

 

 

 

Ma buongiorno a Voi!
Oggi sono qua bella pimpante e piena di energia. Fuori il sole splende e gli uccellini cantano mentre li guardo giocare nella loro vaschetta di acqua. La fontana del pozzo perde qualche goccia, così ho pensato di mettere un contenitore con dei sassi dentro, in modo di avere varie altezze, infatti ora c'è di tutto, passerotti, merli, colombe, corvi e altre specie che non conosco. Anche le tartarughe si servono con gusto. Li guardo e vado in brodo di giuggiole ogni volta! Lì vicino ho messo anche un piatto dove giornalmente metto cibo avanzato; pane, pasta e anche verdure lesse, ne vanno matti. E sapete cosa ho capito? Che nel chiudere definitivamente con i social media... la vita mi si è rivelata! E' incredibile quanto tempo libero io abbia ora! Ovviamente non mi sono tagliata fuori dal mondo. Non guardando più i programmi di stato ma concedendomi Netflix e Amazon, mi rimangono comunque i motori di ricerca. Lì trovo di tutto e il contrario di tutto ma così mi libero degli analfabeti funzionali che ammettiamolo, quelli non servono proprio a nulla.
Sì perché c'è gente che oltre a condividere notizie false si bea di tutta la sofferenza di questo povero mondo. Twitter, Facebook e Instagram sono il bacino dove gli illetterati  sguazzano nel loro guano diffondendo supplizio a piene mani.

Ed ecco che mi ritornano le parole del mio Maestro Chen; Folle è colui che si fa carico del dolore del mondo. Nulla puoi cambiare se non il tuo mondo e solo di quello  ti devi preoccupare, null'altro puoi fare. Ma questo non vuol dire non viverne il dolore ma la sofferenza, no, quella non ci deve essere!
Il giorno che gli ho scritto ero veramente triste: In questi giorni non faccio che pensare alle brutture del mondo, alla cattiveria, alla violenza e a tutto ciò che sta succedendo a questo povero pianeta. Come si fa a sopravvivere senza esserne sopraffatti? Io ci provo sempre ma per me è impossibile non starci male.
Ed ora, l'aver preso le distanze dalla fonte del malessere, fa si che io mi allontani anche dalla sofferenza, senza comunque disinteressarmi al mondo.

Il sole continua a splendere, gli uccellini cantano tra loro e i panni stesi si muovono al vento. Il fatto che io sia disperata o felice non cambierà il corso della storia e il mondo continuerà a girare lo stesso.

Sempre io e sempre Vostra! 
Vi abbraccio.

8 commenti:

  1. Sono felice che allontanarti dai social ti abbia fatto bene.
    Magari questo tuo nuovo contatto con la natura, sfocerà in una nuova passione e ti vedremo presto adottare animali di ogni specie e realizzare una piccola fattoria.
    Purtroppo, il male è ovunque, ma i social sembrano davvero concentrarlo in un unico posto.

    Goditi questo bel sole, gli uccellini, la tartaruga.
    E chiudi fuori tutto il resto. Mi fai quasi venire voglia di seguire il tuo esempio! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudia!
      Ti dirò che il contatto con la natura c’è da parecchi anni ormai.In RD non avevamo nemmeno una connessione e là ho conosciuto questa nuova dimensione, ma io sono così, mi faccio coinvolgere dalle pessime abitudini e mi faccio travolgere. In passato mi ero allontanata, però è la prima volta che cancello tutto, io lo prendo come un buon segno!
      Le tartarughe sono cinque, sei se conto anche l'ultima nata. Solo loro quelle che mi hanno dato il benvenuto in questo paese. In Brasile son state delle scimmiette, in RD un colibrì e in Australia un'iguana!! Da anni, ovunque sono stata, ho fatto l'orto, ma nonostante tutto i social mi hanno sempre distratta! Ora però una promessa me la son fatta; basta cattive distrazioni, solo cose belle!!
      Grazie dell'incoraggiamento, quello non basta mai!
      Ti abbraccio stretta!!

      Elimina
  2. Ha ragione lui.
    Non puoi farti carico delle sofferenze del mondo. L'unico pezzo di mondo in cui puoi far tangibilmente qualcosa è il tuo.
    Se riesci a tener pulito e sano quello, riesci a viver bene anche tutto il resto.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara, mi piace che la pensiamo allo stesso modo!
      Davvero, ha ragione lui! Maestro Chen è una grande fonte di ispirazione e a lui devo la mia crescita, sono stata fortunata ad incontralo!
      L'ho notato che se sono felice anche chi è intorno a me lo è, speriamo in un effetto domino!!
      Grazie dell'appoggio!
      Un abbraccione!

      Elimina
  3. Ma che bel posto è quello in cui vivi.
    Guardando la foto, il mio sguardo si è spostato poi oltre la finestra di casa mia. Qui è bello ma freddo, le piante sono al riparo, tutto è brullo. L'inverno milanese. Per fortuna il cielo è azzurro. Già qualcosa.
    Hai fatto molto bene a staccare con quei social che sicuramente influiscono negativamente sul nostro umore e sui nostri pensieri. Le immagini e le parole negative sono un continuo subire che tutti, non solo tu, dovremmo imparare a centellinare o addirittura ad evitare.
    Non è facile, però. Brava che ci stai riuscendo. E ti senti finalmente libera. Pronta ad accogliere il giusto senza lasciarti dominare dal resto.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella!
      Sì, è un bel posto. L’azienda per cui lavoriamo ci ha dato una bella casa. Il giardino è grande ed è in comune con altre tre case, ma ognuno ha il suo pezzo tutto attorno. A queste latitudini le buganvillee sono ancora in fiore e i fiori non muoiono mai.
      Ricordo gli inverni lombardi (sono bergamasca) tutto è grigio e verde marcio... non mi manca nemmeno un po'!
      Decisamente vero ciò che dici, ogni parola cattiva ha un influenza terribile sulla nostra psiche... sarebbe interessante sapere perché ne siamo così attratti!
      Non è facile per niente, ci ho provato un sacco di volte ma sento che questa è quella buona! Mi son fatta questa promessa e ora la manterrò!
      Grazie delle tue parole!
      Un grande abbraccio!!

      Elimina
  4. Cioè, ma tu vivi lì?? :O
    Bellisimo, pace, colore, luce.
    Rilassamento.
    Ha ragione il tuo maestro, e hai ragione tu: togliendoci da certe meccaniche, ci resta tanto tempo per noi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Moz, è il portico della casa dove vivo! L'azienda per cui lavoriamo è stata generosa e io godo pace, colore e luce.. almeno finché dura!🤞
      Un abbraccio!!

      Elimina