giovedì 24 aprile 2014

Che cos'è un bambino?



Un bambino è una persona piccola. E' piccolo solo per un po', poi diventa grande.
Cresce senza neanche farci caso.
Piano piano e in silenzio, il suo corpo si allunga.
Un bambino non è un bambino per sempre.
Un bel giorno cambia.
I bambini hanno fretta di diventare grandi.
Alcuni bambini crescono, sembrano felici e pensano :
- Che bello essere grandi, essere liberi, decidere tutto da soli!-

Altri bambini diventano adulti, pensano esattamente il contrario:
-Che fatica essere grandi, essere liberi, decidere tutto da soli!-
Un bambino ha piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo ha piccole idee.
Le idee dei bambini a volte sono grandissime, divertono i grandi, fanno loro spalancare la bocca e dire:"Ah!"
I bambini desiderano cose strane: avere le scarpe che brillano, mangiare zucchero filato a colazione, ascoltare la stessa storia tutte le sere.
Anche i grandi hanno strane idee in testa: farsi il bagno tutti i giorni, cucinare i fagiolini al burro, dormire senza il cane giallo.
-Ma come si fa?- Chiedono i bambini.
I bambini piangono perchè un sasso è scivolato nell'acqua, perchè lo shampoo pizzica gli occhi, perchè hanno sonno, perchè fa buio.
Piangono forte, per farsi sentire bene.
Per consolarli ci vogliono gli occhi gentili.
E una lucina vicino al letto.

I grandi, invece, amano dormire al buio. Non piangono quasi mai, neppure se lo shampoo entra nel naso, e se capita, piangono piano. Tanto piano che i bambini non se ne accorgono.
O fanno finta di non vedere niente.
I bambini assomigliano alle spugne.
Assorbono tutto: il nervosismo, le cattive idee, le paure degli altri.
Sembrano dimenticare, ma poi rispunta tutto dentro la cartella, o sotto le lenzuola, oppure davanti a un libro.
I bambini vogliono essere ascoltati con gli orecchi spalancati.
I bambini posseggono delle cose piccole, proprio come loro: un piccolo letto, piccoli libri colorati, un piccolo ombrello, una piccola sedia.
Però vivono in un mondo grandissimo; talmente grande che le città non esistono, gli autobus salgono su nello spazio e le scale non finiscono mai.
Ai bambini, si sa, non piace andare a scuola. Ai bambini piace annusare l'erba chiudendo gli occhi, correre dietro ai piccioni gridando, ascoltare la voce lontana delle conchiglie, arricciare il naso davanti allo specchio.
Ci sono bambini di tutti i tipi, di tutti i colori, di tutte le forme.
I bambini che decidono di non crescere non cresceranno mai.
Avranno un mistero dentro di sè.
Allora anche da grandi si commuoveranno per le piccole cose: un raggio di sole o un fiocco di neve.
Ci sono bambini strani, bassi, tondi, silenziosi. Bambini con gli occhiali, sulla seggiola a rotelle. Bambini con l'apparecchio per i denti che scintilla al sole.
Ci sono bambini faticosi, bambini odiosi, che non vogliono mai andare a dormire, bambini viziati che fanno solo quello che vogliono, bambini che a volte rompono i piatti, le scodelle e tutto il resto.

Tutti i bambini sono persone piccole che un giorno cambieranno.
Non andranno più a scuola ma al lavoro, forse saranno felici, forse avranno la barba o i baffi all'insù, o i capelli tinti di verde.
Forse faranno i capricci per delle cose strane come un telefono che non suona o il traffico.
Ma che importa pensarci adesso?
Un bambino è una persona piccola.
Ora, per addormentarsi, ha bisogno degli occhi gentili.
E di una lucina vicino al letto.

-Beatrice Allemagna

10 commenti:

  1. vorrei che ogni bambino, nessuno escluso, potesse godere di questo.

    RispondiElimina
  2. simpatiche e divertenti queste riflessioni Sara, e soprattutto molto vere: se gli uomini "grandi" sapessero conservare almeno un po' di questa meraviglia il mondo sarebbe un luogo migliore!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero caro Luigi, io da qualche tempo ho ripreso a meravigliarmi.. e voglio continuare a farlo, perchè è bellissimo vedere il mondo come lo vede un bambino!!
      Un abbraccio a te e grazie!!
      :-)

      Elimina
  3. Ogni bambino dovrebbe essere così.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e anche ogni adulto! ;-)
      Ciao Moz... grazie!
      :-)

      Elimina
  4. Ciao Sara! Belle queste riflessioni sui bambini, tutti dovrebbero conoscerle e farle proprie. Soprattutto chi pensa che l'infanzia sia un'età di poco valore e non gli anni più formativi dell'intera vita.
    Volevo anche dirti che ho letto tutta la storia che hai raccontato, non son riuscita a commentare perchè lo sgomento, il dolore e poi la gioia che hai trasmetto sono stati così grandi che ogni parola che avrei potuto scrivere mi sembrava superflua ed inutile.
    Ti abbraccio, ringraziandoti come sempre per i tuoi commenti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è nessun problema... ti capisco, anche a me succede il più delle volte!
      E poi ho scritto più per me... ancora non so bene che mi sta succedendo, ma lo scopriremo vivendo!
      Grazie a te Gioia!
      Un abbraccio stretto!
      :-)

      Elimina
  5. Sara, per Te c'è un premio.
    Un abbraccio
    Raffaella

    RispondiElimina