mercoledì 5 ottobre 2022

Armonia (Tarocchi)


 

Amo amo amo pescare nel mazzo di carte e in quell'immagine perdermi. Per poi leggere e bearmi di certe risposte!

                 ✨✨✨✨✨✨✨

Carta di corte

Acqua: dominio delle emozioni

Armonia

L'esperienza di riposare nel cuore, quando mediti, non è una cosa che possa essere afferrata o forzata. Accade naturalmente, man mano che aumenta sempre più la sintonia con i ritmi dei nostri silenzi interiori. La figura di questa carta riflette la dolcezza e la delicatezza di quest'esperienza. I delfini che emergono dal cuore e fanno un arco per tuffarsi nel terzo occhio,riflettono il divertimento e l'intelligenza che sorgono allorché siamo in grado di connetterci col cuore, e agire nel mondo partendo da lì. In questo momento,permettiti di essere più delicato e più ricettivo, perché una gioia inesprimibile ti attende proprio dietro l'angolo. Nessun altro potrà indicartela, e quando la troverai, non troverai parole per esprimerla agli altri.

Ascolta il cuore, muoviti in sintonia col cuore, a qualunque costo: Una condizione di assoluta semplicità, il cui prezzo altro non è che ogni cosa... Essere semplici è arduo, perché il suo prezzo è ogni tuo avere.   

Devi perdere ogni cosa, per poter essere semplice. Ecco perché la gente ha scelto di essere complessa, e si è dimenticata come fare a essere semplice. D'altro canto, solo un cuore semplice palpita di anelito divino, cammina mano nella mano con Dio. Solo un cuore semplice canta con lui in profonda armonia. Per raggiungere questo punto, dovrai scoprire il tuo cuore, il tuo anelito, il tuo vero palpito.

sabato 1 ottobre 2022

Tra i fiori il ciliegio Tra gli uomini il guerriero (Sabato in filosofia)

 



Dhanly ci racconta di un antico detto giapponese che recita:
Tra i fiori il ciliegio 
Tra gli uomini il guerriero

È stato scritto all'epoca dei Samurai, membri della casta militare del Giappone feudale.
La vita di un fiore di ciliegio può finire in ogni istante... è sufficiente una folata di vento e si staccherà dal ramo sul quale si presenta nel suo splendore. Lo stesso poteva accadere al samurai, sempre pronto ad incontrare la morte.
C'è un concetto molto bello che permea la cultura giapponese, si chiama yushu no bi (la bellezza della fine).
I giapponesi danno molta importanza alla fine di ogni cosa che ha avuto un inizio poiché è proprio la fine che determina il ricordo. È importante chiudere in bellezza non solo le imprese ma anche (e soprattutto) le piccole azioni quotidiane. Questo nasce dalla consapevolezza del filo sottile che ci unisce a coloro che ci hanno preceduto, a chi abbiamo intorno e a chi verrà dopo di noi.
Ecco perché in Giappone si da importanza alle piccole azioni e ad esempio si lascia una camera d'albergo solo dopo aver rifatto il letto e riordinato il bagno...
Ecco perché anche alla fine di una relazione sentimentale è inconcepibile essere vendicativi e crudeli...
La reciprocità è la chiave per rendere significativa e decisamente più dolce la fine di ogni momento, di ogni giornata e persino la fine di una vita.
 
Felice giornata a Tutti Voi compagni di viaggio! 
 
Dhanly

mercoledì 28 settembre 2022

Ingenuità VS tradimento

 


Ho appena finito di guardare il documentario che tratta della signora Marchi e del rapporto, che possiamo tranquillamente definire tossico, con sua figlia.
Non posso aggiungere altro a ciò che già sapevo, cioè che la signora non mi è mai piaciuta e mai mi piacerà, anzi, aggiungo che è sempre stata fastidiosamente appoggiata al mio grande deretano e continua a farlo, sia lei che la sua seguace numero uno; la figlia.
Si spacciano ancora adesso come grandi e furbe imprenditrici... dai, se fossero state grandi non sarebbero fallite (più volte) e se fosse state furbe non non sarebbero andate in galera (altrettante volte). Anche il signor Nascimento non sarebbe così in difficoltà davanti a domande scomode e il piede che ha appoggiato con malcelata disinvoltura al ginocchio sarebbe rilassato anziché convulso in un moto di continua stizza. E nemmeno sarebbe scappato a casa sua se fosse stato innocente.

Ma non è di loro che vorrei parlare, anche se mi viene difficile, ma delle frasi che hanno detto e sostenuto nel tempo:
Sono un truffatore io o sei un credulone tu? Ha detto la Nobile.
I coglioni vanno inculati invece lo ha detto la Marchi.
La stessa ha detto che -non esiste un italiano che non abbia comprato da me-. Mi dispiace deluderla mai io non l'ho mai fatto, nemmeno la mia famiglia e con noi tanti altri. (Alla fine i clienti erano "solo" 306.000) Un pensiero il suo che dimostra tutta la sua pessima baldanza e la sua fastidiosissima sciatteria.

Io però  sarei anche stufa di gente che considera l'ingenuità un peccato. Per carità, prima o poi i bisognerà anche ad imparare a stare al mondo ma... e  se smettessimo "tutti"  di approfittare dell’ingenuità altrui?
Se lasciassimo in pace chi crede che tutti siano bravi e onesti? Non potremmo lasciali nel loro brodo? Ma sì, potremmo lasciarli li beati  a godersi della loro ingenuità invece di infierire su di loro approfittandosene, no?Dai, ma come si può anche solo pensare di approfittare, delle debolezze e le paure altrui? Minacciare, insistere ed erstorcere denaro a chi non ha la capacità di riconoscere la truffa facendo leva sulla paura e perché no, l'ignoranza... e come si fa a stare davanti a una telecamera e sostenere di essere nel giusto solo perché gli altri sono dei coglioni? Dire che hanno la faccia come il culo è solo un complimento.

Lasciare gli ingenui tranquilli e comunque una cosa però parecchio difficile, specialmente quando viviamo in un paese, o meglio, in un mondo dove chi è furbo fa parte dei buoni e chi non lo è passa per l'ennesimo deficiente. Io non sono mai stata furba e per ho pagato per questo. Infatti ho dovuto imparare a difendermi da questi pessimi figuri. Ma chi è quello da biasimare? Sono io che credo che al mondo ci siano delle brave persone o chi si approfitta di questo mio pensare? La maggioranza delle persone dirà che sono io. Ok, ci sto, però è tanto triste!

Di Marchi, Nobile e Nascimento ne è pieno il mondo e purtroppo c'è chi li stima, li guarda con invidia e vorrebbero essere bravi come loro. Perché loro hanno fatto i soldi, hanno avuto ville, macchine, feste e tanto lusso.
Ma siamo sicuri che siano così felici? Mah! Non  è che ci vada poi molto a capirlo, basta soffermarsi a guardare i loro occhi; la rabbia, la frustrazione e la voglia di rivalsa sono ancora li, così come il desiderio di spacciarsi per vittime dentro quello sguardo accusatore - siete tutti brutti cattivi e invidiosi e mi odiate perché io valgo e voi non siete un cazzo di nulla!- Sono tanto tristi e tanto arrabbiati, a tratti imbarazzati per ciò che hanno appena detto.

Ecco, io non le invidio proprio e nemmeno mi fanno pena.  Sarà che confido nella legge del Karma e so che la stanno già pagando.
Credetemi, la loro infelicità è solo l'inizio e mi perdonerete se del loro malessere non potrebbe fregarmene di meno. ;-)


sabato 24 settembre 2022

Una Geometria che va oltre il singolo Uomo. (Sabato in Filosofia )

 

 

Beppe scrive;

-La possibilità di scorgere la Verità si svela a chi innanzitutto si dimostra capace di vivere una chiara ed aperta visione mentale della realtà impedendone una sua contaminazione e distorsione. 

Per quanto mi riguarda il mondo che ho visto finora non è la realtà bensì ciò che la mia mente ha voluto farmi parzialmente vedere, di quel movimento che per sua natura è impermanente, mutevole e dove solo l’Energia resta nell'Essenza della Vita. 

Una mente condizionata da ciò che ha studiato ed appreso da cultura e contesto sociale, seleziona fra tutti gli stimoli esterni solo quelli che meglio si adattano alla sua concezione di mondo. 

Che cos'è dunque il mondo? 
La mia personale ricerca interiore ha inizio nel momento in cui scelgo di abbandonare tutto ciò che ho pensato in forma di pregiudizi e preconcetti su me stesso e sugli altri; l’attimo in cui colgo la falsità di teorie, dogmi, nazionalismi e fedi che condizionano l’esistenza dell’uomo e trovo in me il coraggio di Vivere. 
Ogni punto di vista appare così un piccolo, unico e limitato ingranaggio inserito all'interno di un vasto meccanismo chiamato mondo, ma per quanto piccolo esso sia, l’Uomo ha sempre in sé la possibilità di rispecchiare il Tutto come facente parte di un’unità. 
Una Geometria che va oltre il singolo Uomo... un Ideale che sopra ogni cosa risponde al nome di Amore... una Vibrazione capace di mettere in risonanza l’Io... una Percezione che non puoi rinnegare!-

Beppe

mercoledì 21 settembre 2022

Sono sola

 


Sola...

mi gusto il silenzio
il profumo di caffè
la tranquillità del risveglio
fuori un cane abbaia e una porta sbatte

 

... sola

un raggio di sole scivola attraverso le tende
 da li, vedo uno stormo di uccelli volare lontano


... sola

mi sento bene
mi sento euforica
è la gioia di una solitudine a lungo ricercata


... sola

fuori l'assurdità sembra attendermi...
ma io resto qua felice, appagata


... sola 

esco e alzo lo sguardo 
nel mio rettangolo di cielo vedo le nuvole dissolversi nel sole

 

Sono sola
e mi perdo in me stessa...



sabato 17 settembre 2022

L'insegnamento degli anziani (Sabato in Filosofia)


 

Maestro Chen scrive;

"Il termine Theravada significa Insegnamento degli Anziani.

 La filosofia Buddhista Theravada racchiude esperienze raccolte nel corso di millenni e tramandate solo oralmente, di uomini il cui spirito è stato destato, illuminato e reso consapevole (i Buddha).
Definirono questo sapere Dhamma (sanscrito:Dharma), termine che riunisce in sé i significati di legge eterna, dovere morale, virtù, dottrina vera e giustizia; l’Insegnamento

Una schiera di Buddha che insegnarono “la via” verso la saggezza, precedettero il Buddha Siddharta Gautama (560 a. C.) il più conosciuto.

Davvero lontane sono quindi le origini di questo modello di vita basato sulla semplicità e il buonsenso che permette a chi lo pratica di risvegliare la capacità di vivere pienamente il rapporto con sé stesso e con tutte le forze che governano la vita dell’universo.

La filosofia Theravada trova accoglimento in un Uomo che crede in se stesso, nel valore della vita e rispetta tutto ciò che lo circonda come facente parte di un’unità. Tutto è Energia.
Quell’uomo riconosce che ogni cosa è il risultato di causa ed effetti la legge del Karma, non esistono fortuna o sfortuna; i suoi pensieri e la volontà forgiano le sue azioni che a loro volta determinano la realtà vissuta. Ogni esperienza, anche la più drammatica, risulta essere una prova nella palestra della vita, deve servire per crescere, migliorarsi, evolvere. Ampliando il proprio ristretto modo di pensare, aumentando giorno dopo giorno la consapevolezza del vivere, si arriva a modificare la propria esistenza.

E’ quindi essenzialmente per i pochi; è arduo, è per i forti di cuore, di spirito e di volontà. L’Insegnamento della scuola Theravada resta la più bella filosofia morale del mondo. E’ consona alla ragione, non esigendo fede implicita in verità dogmatiche, è obiettiva e capace di superare il vaglio della logica e della scienza.

-C.Humphreys “Il Buddhismo

Quindi non c’è tempo da perdere... si affrontino paure ed insicurezze perché la Vita è Bella e va vissuta pienamente!"

 Maestro Chen L.B.

mercoledì 14 settembre 2022

Tutto il resto è vita, la colonna sonora del mio blog!

 

 L'ho trovata per caso e combinazione vuole che sembri scritta per me... per il mio Blog!
Nelle parole mi riconosco  e in alcune mi ci trovo in pieno!
La colonna sonora di questo mio angolo di paradiso!


Tutto il resto è vita!

Cosa importa se hai dovuto attraversare mari e monti oppure se
Hai camminato attraverso strade e ponti o se
Quando hai chiesto aiuto nessuno t'ha offerto niente
O se quello in cui hai creduto era uno scherzo della mente
Che ti frega se è già notte e poi escono i cattivi
Puoi trovarli anche di giorno alla guida o al governo
Hey, la terra che calpesti per tre quarti è solo marcia
Ci si spara a fuoco a vista in questa continua caccia
Ai bisonti di città all'amore dentro ai cuori
Alla nostra volontà di essere sempre un po' migliori
Cosa importa, ne sto fuori
Che tutto il resto è vita tutto il resto è vita
E ho creduto che il mio sole tramontasse in fondo al mare
Approfittando della notte per imparare a nuotare
Che le lacrime sono dolci e ci zuccheri il caffè
Che Pechino dista un ora in bicicletta in compagnia
Ed ogni tanto mi ricordo quelle sere di agosto
Le tenevo per l'inverno quando è freddo e sembra ingiusto
Alzarsi presto la mattina per andare a lavorare
Mi ricordo anche di te, come potrei dimenticare?
Coi bisonti di città a cercare non so cosa
Possa tu trovare il bene io non ti fermerò
Cosa importa, vado fuori
Che tutto il resto è vita
Che tutto il resto è vita
Che tutto il resto è vita
Che tutto il resto è vita

lunedì 12 settembre 2022

Le dita di Dio


 
 
 
 Amo il cielo così nuvoloso, 
Dio trova sempre il modo per infilarci le dita ed ogni volta do loro il benvenuto. 
 Anche se non credo a nessun Dio 
le accolgo con gratitudine come un segno dell'approvazione celeste.

sabato 10 settembre 2022

Conosci il tuo nemico per poterlo sconfiggere. (Sabato in Filosofia )

Ho deciso di condividere, con chi vorrà, la dottrina degli Anziani.
Ogni sabato pubblicherò i pensieri di chi segue questa bellissima Filosofia. 
Mi auguro che possiate, come me, trovare spunti per una vita improntata nell'amore e nel bene, ricordando che : Non esiste giorno migliore di quello che stiamo vivendo e, potendo scegliere, non perdiamo l'occasione di condividerlo nel rispetto amandoci.
M. Chen LB



Miky scrive;

-Non avere paura, credi in te stesso. Questo mi viene insegnato. 
La vita ti pone di fronte a delle prove che tu puoi superare, nulla è impossibile poiché tu non hai limiti. La mente teme tutto ciò che non conosce ed è per questo che più conosci le tue paure più ti impegnerai per acquisire gli strumenti necessari per la battaglia e in guerra l’arma migliore è il coraggio.
Non perdere tempo, vivi ogni tuo giorno come se fosse l’ultimo, cerca ogni giorno di vivere consapevolmente la tua vita, solo così imparerai a conoscerti e a credere in te stesso, solo così darai valore ad ogni tua scelta, anche se ti sembrerà la più banale, sappi che darà significato alla tua vita.

Non cercare altrove ciò che tu già possiedi, le risposte sono dentro di te, niente che c’è fuori di te fa parte di te, è tutto infrastruttura, illusione, realtà, solo il tuo Io è vero e prima di adoperi per poterlo ascoltare prima comincerai a vivere. 
Non perdere tempo. -

-Miky da Serate in filosofia Theravada

 

mercoledì 7 settembre 2022

Saudade...

 

Ieri ho sentito nostro figlio e mi ha raccontano di aver visto Anderson per un lavoro. Anderson è un uomo che ho avuto l'onore di conoscere nella mia vita brasiliana. Un uomo di una tale dolcezza e simpatia che all'epoca sarei stata ore a parlare con lui, quello che si dice una pasta d'uomo! Ed ecco che al solo pensarlo spunta quella bellissima e terribile saudade! (Si legge sawˈdadʒi)

In verità in italiano non esiste una parola per tradurre la parola brasiliana saudade. Spesso noi la traduciamo con malinconia, ma in realtà è qualcosa di molto più profondo.

La saudade brasiliana è un intimo vuoto che si avverte per la mancanza di qualcosa misto alla voglia di fare qualcosa per attivarsi per ritornare determinati luoghi, rivedere persone o rivivere certe sensazioni… A volte  saudade è una specie di ricordo nostalgico, affettuoso, di un bene speciale che è assente, accompagnato da un desiderio di riviverlo o di possederlo. In molti casi una dimensione quasi mistica, come accettazione del passato e fede nel futuro ma che quando prende prende forte! Ora lo sento come un vuoto nello stomaco, una sorta di fame ma che non può essere colmata. 

Ah, che voglia di allegria, sorrisi, partecipazione e voglia di vivere! 

Ricordo che per loro ogni occasione è buona per attaccar bottone. In fila alla cassa di un supermercato, per strada, e perfino in macchina! Amano tantissimo gli italiani, (solo loro sanno il perché) e appena sentono parlare il così amato idioma, qualcuno trova l'ennesimo pretesto che fare due chiacchiere! Posso garantire che l'invito per un cafezinho a casa loro arriverà in men che non si dica! Pensate che quando il mio Fanciullo e la sua Dolce Vipera hanno fatto trasloco, la mattina dopo i vicini, che ancora non conoscevano, si sono presentati per invitarli a fare colazione a casa loro. E sia chiaro, la colazione era già pronta per tutti, bello vero?

Pensavo che scrivere mi avrebbe tolto quella stana emozione e invece l'ha intensificato l'emotività...
Pazienza, passerà anche questo. Io comunque continuo a desiderare di tornarci e chissà,  magari l'universo farà di nuovo il suo miracolo! Incrociamo le dita!