venerdì 31 agosto 2012

Viaggio con me. C'è sempre una scelta?



Perché una premessa? Effettivamente non ci andrebbe, non sto scrivendo nulla di sconveniente, non so il perché ma devo  farlo. Questo mio scritto è rimasto fermo nelle bozze per giorni senza che mi decidessi di pubblicarla, mi son chiesta il perché  e le risposte possibili son state due. Una è paura di un giudizio, la seconda è paura di sembrare presuntuosa.

E' da qualche tempo che scrivo di me, del mio percorso, di quello che sento e faccio su me stessa per tentare di stare meglio, (non sempre ci riesco), e a volte si potrebbe pensare che cerco di insegnare qualcosa a qualcuno... Giuro, niente di più sbagliato!
Quando scrivo di me è solo per condividere le mie scelte e il mio cammino, non certo per insegnare.

E' come quando qualcuno ha letto un bel libro o visto un bel film... vorrebbe che tutto lo leggessero o lo guardassero... così per semplice condivisione, ma sopratutto per fare in modo che gli altri sentano quello che abbiamo sentito noi. 
Ecco, questo è quello che faccio io! In questo periodo sto bene, ho fatto pace col mondo e con quest'ultima lascio andare una parte di me che non mi piace e faccio pace con me stessa.

Il mio desiderio è solo quello di mostrare che star bene non è impossibile, all'inizio può sembrare difficile sì, ma una volta provato non si  vuole più tornare indietro. E' come aver assaggiato un dolce fantastico e dopo desiderare un biscotto secco senza zucchero... Vorrei con questa mia esperienza mostrare che la vita, dopotutto può essere un dolce fantastico!
Un mio caro amico mi ha insegnato molto con una frase: non misurare la tua vita con il metro degli altri... io sto imparando a fare questo, sto anche capendo che ogni persona che io incontro può essere un maestro di vita... c'è sempre tanto da imparare!!

Lo ripeterò all'infinito, non mi metto in cattedra, non potrei mai,  ma con molta semplicità  vorrei condividere con voi questa mia strada...

Questo mio scrivere di me lo chiamerò Viaggio con me.
Ora se vi va di continuare, cliccate  qua sotto e continuare a leggere ancora un po' di di questo mio cammino. :-)






C'è sempre una scelta? Certo che si! Ma...

Si, sono convinta che tutti noi abbiamo una scelta, ma... non sempre la vediamo.
Parlo di me. Nella mia vita me ne son capitate tante e ogni volta che mi si è presentata  una scelta... io l'ho sempre ignorata... Anche quando son caduta nell'abisso del fallimento non ho visto nulla.

E' iniziato quando ho messo al mondo mio figlio con problemi fisici dovuti ad una malformazione congenita.. ed ecco il primo fallimento come madre. Ero convinta che se una madre faceva un figlio difettoso, la colpa non poteva che essere sua! (Che scema vero?)
Poi arriva il tracollo finanziario, il fallimento come giovane imprenditrice con seguito a discussioni con i genitori, hanno dichiarato il fallimento sia come figlia che come sorella... Da lì il passo come amica fallita è stata breve. Alla fine stavo perdendo anche mio marito... il fallimento come moglie chiude una bella serie!
Avrei dovuto capire che era ora di ridimensionare le mie aspettative... ma la voglia  di dimostrare che ero qualcuno è stata più forte! Certo, mi son messa d'impegno a ristabilire la faccenda, mi ci son voluti dieci anni ma alla fine ho rimesso in piedi tutto, la famiglia si è rappacificata, il figlio si è sistemato e col marito è tornato tutto a posto... (Come amica ancora ci devo lavorare).


Ma la voglia di dimostrare è ancora lì sempre più forte! Dopotutto son cresciuta in un ambiante che è quello della maggior parte delle persone, quello dove devi avere soldi, potere e bellezza. Nessuno che avevo vicino viveva in modo diverso...
Lavoravo per permettermi una macchina, vestivo di tutto punto, volevo una bella casa e facevo tre ore di palestra tre volte alla settimana per dimagrire, volevo essere al top. Dopotutto  nessuno che avevo vicino viveva in modo diverso...
Le vacanze dovevano essere belle, a costo di fare debiti per averle e il guardaroba nuovo per la partenza... Nessuno che avevo vicino viveva in modo diverso...

Ecco che arriva la proposta del Brasile, si tratta di un sacco di soldi... perché non farne sfoggio?
Si parte per questa bellissima avventura ma da subito cozzo contro la realtà... mi sento persa, ma non devo cedere, io sono Sara che vive in Brasile ed è la moglie del direttore del reparto tessitura,  che vive nel residence più esclusivo della zona! Ne ho da riempirmi la bocca!  Ho voglia di dimostrare al mondo che sono arrivata! 
Siam sempre lì, nessuno che avevo vicino viveva in modo diverso...

Qua incontro Esmeralda e Donna Olinda che mi fanno vedere il mio lato oscuro e cercano di liberarmi da esso, (e in parte ci riescono!). Con loro ho vissuto il più straordinario e profondo incontro spirituale della mia vita, Ma nonostante tutto... la scelta che mi si pone non la prendo nemmeno in considerazione... Nessuno che avevo vicino viveva in modo diverso... o forse adesso si...

La vita decide che mi devo ridimensionare e con la caduta delle Twin Towers il lavoro diminuisce e.. tutti a casa. Alla notizia una mia vecchia "amica" mi dice:  
-Ma torni in Italia? Ecco il tuo ennesimo fallimento!- (?)

Già... e come fallita torno a casina con la coda tra le gambe ma con la determinazione di dimostrare che valgo qualcosa... Ed ecco che mi ritrovo circondata dalle stesse identiche persone che ho lasciato alla mia partenza. Son tutti li con lo sguardo di biasimo... povera, ci ha provato un sacco di volte e tutte le volte ha fallito... Di nuovo:  nessuno che avevo vicino viveva in modo diverso...

Investiamo i nostri soldi in un'attività molto ambiziosa, che potrebbe anche funzionare, ma per una serie di sfortunate coincidenze e tanta ingenuità... fallisce! Ma porc... io so di valere tanto come posso dimostralo? La frustrazione aumenta al pari della mia infelicità.  Più ci provo e più vado a fondo... non è possibile, non voglio arrendermi! Mi aggrappo con le mani e con i denti all'idea di quello che voglio diventare; IO  VOGLIO DIVENTARE QUALCUNO, QUALCUNO DA INVIDIARE, PIENA DI SOLDI DA FAR SCHIATTARE IL MONDO!

Ma un bel giorno la vita, (magnanima), mi attira in Repubblica Dominicana con questa lusinga; posso mettere un bar in una delle più belle spiaggi dei Caraibi! WOW ora si che si ragiona!! Ora si che vedranno quello che valgo! 
E invece non andrà così, chi mi ha fatto la proposta è più ingordo di me, così tanto che sento odore di imbroglio appeno lo vedo! Ma ormai son li.. tanto vale rimanerci! Vivo ai Caraibi.. c'è di che invidiarmi no?!

Ma ecco che finalmente dall'ennesima cantonata inizio ad intravedere qualcosa d'altro... la frase che mi ripetevo come un mantra: Nessuno che avevo vicino viveva in modo diverso, non la sento più... anche perché vicino a me c'è qualcuno che vive in modo diverso... molto diverso!

Finalmente capisco che si può vivere senza televisione, senza corrente e senza acqua nel rubinetto. Che si può lavare i panni  nel Rio e se ci lavo loro posso anche lavare me stessa. Che basta poco per riempirsi la pancia  e che con un paio di pantaloni sfilacciati e una maglietta con i buchi si vive bene ugualmente. L'auto servirebbe per comodità ma per due anni mi muovo con i mezzi locali che di bello e sicuro non hanno nulla! La casa è semplice ed ha lo stretto necessario, ci sono tante piante e tanti fiori , il panorama è da mozzare il fiato!

Ma dovrò tornare in Italia per capire tutto questo! Per fortuna quello che ho vissuto nella mia ultima esperienza Dominicana mi è rimasto dentro e nel frattempo l'episodio Brasiliano torna a galla!

Chi sono? Cosa Faccio? Cosa voglio? Che devo dimostrare? La risposta che accomuna tutte queste domande è solo una: NULLA!
Mi ci son voluti vent'anni per capirlo, la vita mi ha posto una sacco di scelte che io ho sempre ignorato... o forse non ho mai nemmeno visto tanto ero accecata da me stessa!
Poi un giorno di quattro anni fa, mi sorella mi fa un nome e quel giorno la scelta l'ho vista, l'ho accettata e fatta mia.

Il cammino per me è ancora tanto lungo e il lavoro ancora molto ma ora che so con certezza che  non sono, non voglio e non devo dimostrare nulla. Con questa consapevolezza... io sono felice! 

Alla fine  mi son resa conto che se la maggior parte della gente  continua a cozzare nelle proprie  frustrazioni e infelicità non è per colpa sua... Se continua  a farlo è solo perché la scelta non riesce proprio a vederla, dopotutto...  nessuno di quelli che ha vicino vive in modo diverso...




32 commenti:

  1. cominciare e ricominciare: questo è il nostro destino sulla terra; tu hai dimostrato coraggio e forza per rialzarti sempre e, credimi, non è poco e non è da tutti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Luigi... cominciare e ricominciare!

      "Non è da tutti".. me lo sento ripetere molte volte ultimamente, ma credimi è più facile di quanto si pensi!

      Grazie a Dio mi son liberata di tutti i fardelli del passato e ricominciare in questa nuova dimensione mi da una pace estrema...
      Il mio Tomo l'altro giorno mi dice: certo che ultimamente sorridi a tutto denti!
      Si.. un cuore felice non più che sorridere... a tutto denti!!

      Ti abbraccio forte amico mio!!
      Grazie e.. a presto!
      :-)

      Elimina
  2. Tante cadute,ma ti sei sempre rialzata,questo e' un grande e prezioso insegnamento,in primis per me.Ti leggo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Non esistono buoni maestri ma solo ottimi allievi! Non so dove l'ho letta ma è vero... quando siamo pronti ad appendere chiunque incontriamo può essere un maestro... senza che lui lo sia!

      Mi fa piacere che tu mi segua, spero che ne nasca qualcosa di bello!!
      Non ci conosciamo ma col tuo permesso ti mando un abbraccio..

      A presto!!
      :-)

      Elimina
  3. molto coraggioso il racconto e...ogni lunga marcia comincia con un piccolo passo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo darti ragione... il post è rimasto fermo nelle bozze per mancanza di coraggio... forse il giudizio di chi legge mi inibiva un poco..
      Poi l'altro giorno leggo Le sette belle logiche, la seconda dice: Quello che pensano gli altri di te non ti riguarda... c'est tout, postato!

      Un abbraccio e grazie!
      :-)

      Elimina
  4. Ti incontro per la prima volta. Non so nulla di te, ma riconosco la paura del giudizio altrui perché anche a me succede. Ogni volta che leggo un libro o che sento di voler parlare di qualcosa..c'è sempre una vocina che mi dice: che cosa penseranno gli altri? Capisco le tue parole, anche se poi bisogna trovre la forza per far sentire la propria voce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già Carolina.. ma arriva il giorno che un bel "chissenefrega" deve arrivare.. per me questa volta è stato così!
      Come ho scritto a Soffio; quello che pensano gli altri di me.. non è affar mio!

      Passerò da te per sentire la tua!!
      Grazie per essere arrivata qua da me, spero di rivederti presto!
      :-)

      Elimina
  5. Brava cara, sono contenta di aver letto questo post. Mi hai dimostrato che sono sulla strada giusta. Da quando ho lasciato il lavoro, dove si viveva di competizione, finalmente libera, ho cominciato a farmi le stesse domande che ti sei fatta tu...
    E' dura rimettere tutto in discussione ma ci sto riuscendo e pure da sola, solo io e me stessa e questo mi dà un senso di leggerezza, di serenità difficile da spiegare. Ho ancora tanta strada da fare e, vista la mia età, non riuscirò forse ad arrivare alla meta, ma cammino ugualmente con la consapevolezza di averci almeno tentato. Quando starò per morire potrò dire che almeno questi ultimi anni li ho vissuti come volevo.
    Baciobaciobacio (triplo bacio per il tuo coraggio)
    P.S L'amica che ti ha dichiarato il tuo fallimento che fine ha fatto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La più grande soddisfazione è farcela da soli, con le proprie forze... davvero è leggerezza quello che si sente!

      Certo è un ricominciare ogni volta.. ma c'è il bello della riscoperta, dello spingersi al limite delle nostre capacità e riuscire nonostante nessuno avesse mai scommesso un centesimo!

      Non è tardi Farfallina, mia madre ha quasi settant'anni è sta facendo questo percorso. L'importante è iniziare a godere, per quanto tempo non ha importanza!
      Sei in gamba!! Avanti sempre!
      :-)

      Ti ringrazio del triplo bacio.. io rilancio un abbraccio enorme per compensare!!

      Ps. La mia amica? Non lo so, l'ho lasciata nel 2005 quando me ne sono andata in Dominicana, lavorava ancora nella stessa fabbrica dove lavoravo io, era in attesa di andare in pensione, (le mancavano circa 8 anni), sarà ancora là.. Ma non lo so e nemmeno mi pongo il problema. Quando penso a lei mando luce a amore.. spero che sia felice!

      Elimina
  6. Oggi, grazie a te, ho imparato una cosa nuova!
    "non misurare la tua vita col metro degli altri"
    se farò buon uso anch'io.
    Grazie per aver condiviso con noi le tue emozioni, io è troppo tempo che non lo faccio e questo non va bene...
    Ti abbraccio forte e ti auguro di aver tutto ciò che desideri dalla vita.
    Buon fine settimana, cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai chi me lo ha detto? Stefano di Il mio lato scuro quasi grigio, quando mi sentivo in colpa di essere felice quando lui soffriva molto... E' stato un grande insegnamento.. ora misuro la vita col metro di Adesso.. anche se cambia misura ogni istante!!

      Hai ragione Fiorellino, condividere è fantastico, per me è stato fondamentale, perciò sono io che ringrazio te, RINGRAZIO tutti voi per questi anni!!

      Ti abbraccio forte!!
      :-)

      Elimina
  7. Sei una tosta!!
    Un percorso di vita, seppur diverso dal mio, ma con le stesse difficoltà.
    Non usiamo metri o parametri di altri, ci disorienterebbero.
    Forse "il lato oscuro" serve a qualcosa.
    Tiammiro e sono contenta di averti come amica:))
    Ciao carissima, un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che cara che sei Keiko!!

      Vero.. non esisterei se non ci fosse.. il bene e il male sono in noi... bisogna solo decidere quale nutrire.. Bene, che il mio lato oscuro muoia di fame!!
      Da "tosta" a TOSTA son contenta anche io!!

      Un abbraccio di bene!!
      Grazie!
      :-)

      Elimina
  8. Un post coraggioso per aver superato la paura del giudizio degli altri. Non è da tutti.
    Il possesso di soldi, gloria e ricchezza sono spesso cattivi maestri di vita.
    La bellezza e la prepotente forza della tua personalità sono stati e sono un fiume in piena. Dopo tutte queste esperienze e le mille peripezie vissute la tua consapevolezza è cresciuta tantissimo e credo che adesso tu possa finalmente rilassarti.
    Ed essere serena.
    Ciao Sara ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianni!
      Ci credi che dopo aver buttato questo post nell'etere mi son sentita libera?
      Inoltre sento affiorare un senso di amore verso me stessa... come mai mi era successo! ... e quanto è bello!!
      Hai ragione.. ora per qualche giorno posso rilassarmi e godere di questo attimo di pace... Ma non ci si può fermare, il cammino è lungo e impegnativo, non vedo l'ora di vedere che si nasconde dietro la prossima curva... che bello!!

      Fantastico che quel giorno io abbia notato quella Pizza e abbia deciso di seguirla!! ;-)

      Ti abbraccio forte anche io

      Elimina
  9. Ciao Sara. Bello leggere un pezzo della tua vita, tanto coraggio e determinazione...
    Sei molto brava. Ma questo lo avevo già detto quando tuo figlio è partito... Io non avrei mai potuto lasciarlo andar via. Quanti paesi e quante esperienze hai affrontato.
    Al contrario della mia vita monotona, sempre uguale... Tanta solitudine, tristezza...
    Buon cammino amica mia. Con questo entusiasmo andrai lontano, sempre!!! Un grande e affettuoso abbraccio.
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio cara Ale, è un bel incoraggiamento quello che mi dai!
      Mi spiace per la tua tristezza e la tua solitudine e capisco che la vita non ti abbia dato buone mani da giocare, sopratutto le prime son state pessima e hai deciso di non giocare più...
      Vorrei dirti tante cose ma la solita paura di dire una parola di troppo mi rende prudente...

      Spero davvero che tu riesca a lasciare indietro la paura ed inizi a respirare la vita per quella che è! Giuro che lo dico col cuore!!

      Un abbraccio di bene a te!!
      Bacione!
      :-)

      Elimina
    2. C'è posta per te... Grazie per il tuo commento.

      Elimina
    3. Grazie a te!
      Letto e risposto!
      :-)

      Elimina
  10. L'importante è fare le proprie esperienze di vita senza dare ascolto alle opinioni di persone che nn sanno nemmeno lontanamente cosa provi e il mondo che hai dentro di te che è immenso :) grazie per questo racconto di vita. Ci hai dimostrato che nonostante le sconfitte e le delusioni si può sempre riniziare, rimettersi in gioco e andare avanti. Non c'è mai fallimento troppo grande per non poter ripartire e riprendere a vivere :)

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Hai davvero ragione Mel! Quello che mi ha salvato dal fallimento è stato che probabilmente fallita, in fondo in fondo, non mi son mai sentita.. la voglia di spiccare mi ha tenuto a galla fino a che mi son resa conto che non era questa la vita che dovevo fare... e meno male aggiungerei!

      Grazie a te per il sostegno che mi ha sempre dimostrato!
      Ti abbraccio fortissimo!!
      :-)

      Elimina
  11. E' un racconto appassionante ed istruttivo quello della tua vita, grazie per averlo voluto condividere con noi, è stato un vero piacere leggere questo post. Decisamente un percorso difficile il tuo, ci vuole coraggio a fare delle scelte diverse, opposte da quelle di chi ci vive accanto e a cui siamo legati da sentimenti d'affetto: la famiglia, gli amici, i conoscenti. Per fortuna che le esperienze che hai vissuto ti hanno fatto scattare quella molla che ti ha permesso di distaccarti da ciò che era più superficiale, senza senso, cose da cui è facile essere abbagliati. Buon proseguimento di quel cammino che sarà sempre più gioioso e "leggero", Sara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Ninfa.. la mia fortuna è stato il Brasile che mi ha tolto un poco del mio "lato oscuro" per poi finire in RD e concludere!
      Tra tanti che la pensavano come me si è infiltrato anche qualcun altro.. Donna Olinda, Esmeralda, Ivo, Francisco, Maensita, persone che senza porsi maestri mi hanno insegnato tantissimo! A loro la mia eterna gratitudine!
      Poi il blog che mi ha fatto incontrare voi... come posso dire di aver avuto sfortuna?!?

      Grazie delle tua parole di incoraggiamento... preziosissime per me, da tener presente alle prossime cadute!

      Un grande abbraccio e grazie ancora!!
      :-)

      Elimina
  12. È vero, purtroppo siamo nati, o almeno io, in un'epoca dove bisogna, sempre e comunque dimostrare qualcosa a qualcuno, non si è e non si ha mai abbastanza.. È sempre troppo poco, poi ti rendi conto che non serve a niente, ma quanto è difficile capirlo, non sempre ci si riesce..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora son stata fortunata a capirlo in tempo! Io sono nata parecchi anni prima di te ma è lo stesso.. le mie coetanee con li da vedere!

      Sapessi com'è liberatorio non cadere più nel tranello dell'apparire e sopratutto com'è bello non sentirsi nessuno... una pace immensa che auguro a tutti!!

      Ciao Stellina!!
      :-)

      Elimina
  13. ...Ercolino Semprimpiedi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaa questo me l'hai rubata!!!

      Elimina
  14. Bellissimo questo frammento della tua esistenza... mi sono ritrovata ritratta in alcune delle tue pennellate e mi rendo conto di quanto la Matrix ci abbia condizionato ed ancora, ogni tanto, fa capolino per ricordarci la comodità della sua presenza, dove tutte le responsabilità sono sempre e comunque di qualcun altro...

    E' bello abbandonare la Matrix e comprendere che siamo l'immenso nell'infinito... un Universo da scoprire ed amare

    Luce e Amore alla Tua Vita Sara... era tanto che non ti leggevo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Gocciolina... non avevo pensato a Matrix..
      “E’ la tua ultima occasione, se rinunci non ne avrai altre. Pillola azzurra: fine della storia. Domani ti sveglierai in camera tua e crederai a quello che vorrai. Pillola rossa: resti nel paese delle meraviglie, e vedrai quanto è profonda la tana del bianconiglio”. Mentre Neo avvicina la mano verso la pillola rossa aggiunge: “Ti sto offrendo solo la verità”

      Anche io come Nio era da un po' che sentivo che c'era qualcosa che non tornava nel mondo, sentivo che c'era qualcosa che non andava, come un martellamento leggero nella testa... Menomale che ho incontrato Morfeus.. l'ho cercato davvero tanto!!

      Ora sono sono fuori da Matrix e sono nella tana del Bianconiglio a cercare di capire quel'è la verità...è difficile, ma qualsiasi cosa va bene pur di uscire da quel mondo chiamato normalità!

      Grazie di quello che mi hai mandato... non ce ne mai abbastanza!

      Spero di rivederti preso!!
      Un abbraccio di bene!

      Elimina
  15. Navighiamo tutti a bordo della Nabucodonosor collegandoci alla rete per ritrovare il bandolo della matassa perso nella Matrix... e devo dirti la verità, fa sempre più effetto mescolarsi alla "massa dormiente"...

    Cmq qualsiasi verità troveremo mai, saremo sicuri che sarà la Nostra Verità...

    ... una cascata di Luce e Amore alla Tua Vita... :D

    RispondiElimina
  16. Quanto è vero vara Goccilina!! Quando qualcuno mi chiede se son convinta che quello a cui credo sia la verità, rispondo che quello a cui credo è la Mia verità... non ho mai imposto nulla a nessuno, perchè quello che è vero per me, non è detto che sia le gli altri!

    Grazie delle tue parole!!
    Un abbraccio di luce a te!
    Bacio!

    RispondiElimina

Purtroppo causa mentecatti che mi stanno spammando ho dovuto mettere la moderazione dei commenti... scusate ma a mentecatti estremi... estremi rimedi! ;-)