sabato 21 settembre 2019

Guidare in Tunisa, una serie di no sense che vi manterranno vivi!



Bene, oggi voglio scrivere di tunisini alla guida che, nonostante loro la pensino diversamente,  il meglio che possono fare è un completo disastro!

Sul serio, quanto ci si butta nel traffico si capisce già che qui le regole le fa chi è al volante e ognuno fa ciò che gli viene in mente. In virtù di questo, è normale trovare tutto ciò che non pensereste mai trovare, nemmeno con tutta la fantasia possibile!
Per esempio, potreste trovare auto che camminano sulla stessa carreggiata.
E che c'è di strano chiederete voi, il fatto è che non vanno nel tuo stesso verso di marcia e infatti capita di trovarvi con auto che vi vengono incontro e... secondo loro la colpa è solo vostra!

Oppure capita di trovare qualcuno che ha deciso di fare inversione di marcia lo faccia improvvisamente li davanti a voi, un traffico della madonna in una strada da una corsia e tre quarti, facendo millemilla manovre per riuscire a girare quella scatola d'auto. E non pensare di poter dire qualcosa, lo sguardo sarebbe di sorpresa del genere; perché, qual è il problema? Nessuno rispondi tu, fai pure con comodo che tanto noi ci siam presi i popcorn...

Per non parlare delle strisce pedonali, quelle le considero uno spreco di materia prima e di forza lavoro. A meno che ci si butti col rischio di essere travolti, altrimenti nessuno vi farà mai passare! Ma forse un sistema l'ho trovato!
Un giorno io e una signora vogliamo attraversare la strada, facciamo un passettino avanti, poi un altro e un altro ancora e niente, le auto si spostano sull'altra corsia, rallentando il traffico nell'altro verso ma, morire se qualcuno si ferma. Al che io mi metto in mezzo alla corsia e girandomi verso l'auto in arrivo esclamo un e che cazzo! Le auto finalmente si fermano e noi passiamo. Giunte dall'altro lato la donna tunisina mi guarda sorridendo ed esclama un accorato e divertito; e che cazzo!

I semafori! Ecco, anche qua non ho bene capito la funzione. Quando scatta il verde non significa passa pure, no no, vuol dire date fiato alle trombe! Sì perché nel primo nano secondo dalla comparsa del verde inizia una sinfonia di clacson. Non danno nemmeno il tempo ai neuroni di accorgersi che il semaforo è diventato verde, far partire l'ordine, mettere il piede sull'acceleratore e partire. A distanza di un anno non ho ancora capito se in mancanza di clacson riuscirebbero a partire comunque!

I parcheggi. Ah, i parcheggi sono ovunque; per strada, sui marciapiedi, in curva, in doppia, terza e quarta fila. Dove hanno bisogno di fermarsi questi si fermano.
Mi trovavo su di un taxi in una strada a senso unico (qua mi rifaccio anche al primo punto) sulla sinistra macchine parcheggiare, sulla destra moto parcheggiate e di fronte macchine in senso contrario. Il tutto avvolto che un caldo torrido, polvere e una cacofonia di clacson e parole arabe espresse ad altissima voce! Non ci si muove di un centimetro e quando dopo tante male parole e suoni si inizia ad andare, i pedoni iniziano a fare slalom tra le macchine riprendendo così la trafila di suoni e urla avvolti da sudore e polvere!

E a proposito di pedoni. Ormai hanno abbandonato l'idea di passare sulle strisce e così si vendicano. Come? passando in mezzo alle rotonde!
Un spettacolo davvero! Da soli, in coppia, o addirittura in gruppo si buttano nelle rotonde senza senso alcuno; in diagonale, in cerchio o a zig zag ma mai e poi mai in linea retta! E siccome la vendetta deve essere fatta come si deve, la lentezza è una costante. Se la chiacchierano, rispondono al telefono, guadano le farfalle e sorseggiano un tè alla menta.

Per descrivere le rotonde non c'è un modo semplice, anzi, ma devo trovare il modo!
Allora, tu arrivi alla rotonda e non guadi a sinistra per vedere se avviva qualcuno, no, tu entri in rotonda succeda ciò che succeda. Se arriva qualcuno che pensa di avere la precedenza il problema è solo ed esclusivamente suo. Vienimi addosso gli dici con lo sguardo, dai così se mi fai male mi avrai sulla coscienza per tutta la vita. Mi stai dicendo che hai ragione tu? Echissenefrega, la mia vita è sacra e tu lo sai... lasciami passare senza fare storie, nessuno si farà male e vivremo bene entrambi!
Ed ecco che le rotonde diventano il caos allo stato puro, nessuno passa e son tutti immobili. Ritorna la consueta cacofonia; clacson, male parole, afa e oblio! Se ne esce, prima o poi, con estrema lentezza cercando spiragli di passaggio e schivando i pedoni in una mezz'oretta scarsa la rotonda si supera... fino a quella dopo! insomma, le rotonde qua non funzionano come nel resto del mondo... qua hanno una vita tutta loro!

Ma torniamo a parlare dei tassisti. Per una legge tutta loro hanno precedenza su tutto e tutti; se devono svoltare tagliandoti la strada, tu lo devi lasciar passare. Devono fermarsi in mezzo alla superstrada? tu li devi lasciar fermare. Devi entrare nel parcheggio del supermercato e loro sono parcheggiati all'entrata? lasciali li!
Diciamolo, sono dei veri e propri pericoli viaggianti. Se tu stai guidando dietro a loro e il cliente dice ferma qui, loro non guardano se qualcuno arriva o mettono la freccia, ma no,  quella è roba da fricchettoni radical chic. Loro inchiodano e basta, se non vuoi andargli addosso mantieni la distanza di sicurezza! Semplice no?

Insomma, qua vi dovete attenere scrupolosamente al no sense! Se guidate secondo i canoni a cui siete abituati non ne uscirete vivi anzi, ne uscirete con lentezza e morendo male! Perciò improvvisate, inventatevi nuovi modi di guidare e azzardate, avrete la loro stima e arriverete a casa sani e salvi... forse!

6 commenti:

  1. Non credevo di trocare questo caos automobilistico pero il troppo storpia.
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio!
      Non ho capito, hai sperimentato pure tu?

      Elimina
  2. Nella mia vita da autista di camion e taxi ne ho viste di tutti i colori, ma un caos come questo mai!!!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo do credimi!! Qua è impossible infatti io non guido!!
      Un abbraccio a te!

      Elimina
  3. Ci sarebbe da farci una risata sopra... ma la cosa è alquanto tragica...
    Ti abbraccio Sara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai perdere il sorriso.. e visto che non guido mai, non mi resta che ridere!! 😂

      Elimina