sabato 16 settembre 2017

Oriani è morta...




Oriani è morta... morta per incuria, per abbandono, per il disinteresse di chi doveva prendersi cura di lei! Caduta in un pozzo, a seguito di una micro emorragia celebrale si è spenta poco per volta aspettando le cure di qualcuno che non è mai arrivato. Chi l'ha vista mi ha riferito che ormai era solo pelle e ossa.
Chi era Oriani? Per la sua famiglia e per il mondo Oriani non era nessuno! Non voluta, nata per la conseguenza di un semplice atto sessuale è stato un peso fin dalla sua venuta. La madre adolescente e il padre uno dei tanti.


L'ho saputo una settimana fa e la mia reazione è stata fuori controllo... ho provato un tale dolore che non avrei pensato di provare per quella bellissima bimba, cielo quanto ho pianto!
Conosciuta nel 2006 nella mia esperienza Dominicana, l'ho amata fin dal primo sguardo e mi ha conquistato definitivamente al suo chiamarmi con quella voce leggermente roca di chi piange tanto. Fuori dal cancello chiuso il suo Saraaaa mi faceva sorridere ogni volta. Entrava e sapeva che la cosa che doveva fare subito era lavarsi le manine sempre sporche. (caspita com'era sempre sporca)
Si lavava anche la faccia e mi faceva ridere quando si leccava l'acqua dal viso dicendo che; aveva un buon sapore. Aveva circa due anni quando è entrata nella mia vita e poco più di tre quando ne è uscita. Un giorno al mio risveglio se ne era andata... sua madre l'aveva portata via.

Per il tempo che son rimasta a Los Patos mi è mancato il suo chiamarmi, il suo attendere il mio ritorno da Barahona per lanciarsi tra le mie braccia. Sembrava vivesse per questo, per un bacio, un abbraccio e tanto solletico. Mi è mancata sempre e il giorno che me ne sono andata ho guardato quella casa sperando di vederla per l'ultimo saluto. Ho pensato sempre tanto a lei e mi sono sempre chiesta che facesse, come vivesse e come fosse la sua vita. Dentro di me ho sempre sperato che non vivesse le brutture che la maggior parte delle bambine passano in quei luoghi. Ho pregato che non conoscesse lo stupro e la violenza e che potesse crescere serena come una bambina merita di vivere.
L'ho amata, tanto, e senza presunzione alcuna penso di essere l'unica che l'abbia amata davvero.


Dopo aver pianto tanto mi sono resa conto con sollievo che ora so dove pensarla, non è più in un posto indefinito alla mercé di chiunque volesse approfittasi di lei, ora so che è in un posto sicuro e so si prenderà il tempo necessario per riposarsi e riscattarsi di questa vita infame nell'attesa del suo ritorno.

E' morta la mia dolce Oriani e per il mondo non è cambiato nulla, nulla perché il mondo non sapeva nemmeno della sua esistenza. Sconosciuta, non rientrava un nessuna statistica, in nessun municipio, in nessun libro di casistica... niente di niente. Ecco perché ho voluto scrivere di lei, perché non sia dimenticata, un tributo ad una vita, la sua, che non merita di essere dimenticata.

Per il mondo non era nessuno ma per me era e rimane la mia dolce scimmietta!


sabato 22 luglio 2017

Scarpette rosse

Premetto che non sono una patita di scarpe... per farvi un esempio io e Carry di Sex and the City siamo agli antipodi e io a differenza sua le compro solo quando ne ho bisogno! Certo, farlo da queste parti è sempre un'avventura diversa!

Mesi fa ero in giro per comprare scarpe al mio Tomo e in vetrina vedo delle bellissime Converse All Star bianche. Costavano poco più di 100 R$ ed ero tentata di prenderle ma avevo ancora le mie Geox che ancora traspiravano bene e ho pensato di aspettare ancora un po'. Il problema è che le  Geox alla prima pioggia hanno traspirato fin troppo... respiravano così tanto che è entrata acqua! Così oggi torno da Rossi per vedere la loro "quotazione"!
Mi avvicino alla vetrina e vedo che hanno raggiunto il prezzo di 159.99 R$, puxa vida... sono aumentate!

Il commesso mi vede e mi si avvicina:
-Buonasera signora, vuole vedere qualcosa?-
-Sim, volevo comprare le All Star ma son troppo care!-
-Parliamone- mi fa sornione.

Già, perché voi dovete capire che qua non è che si va in negozio, si scelgono le scarpe e si va in cassa a pagare... no nò, qua ci sono vari step; c'è la richiesta, il servizio, la contrattazione e la vendita, ecco perché parlavo di avventura!

-C'è poco da parlare... io non voglio spendere più di 120 R$ e qua ne volete 160... di che stiamo a parlare?-
-Uuuh, possiamo parlare tantissimo... per esempio di rateizzare la spesa...-

Altra premessa, qua si rateizza tutto... anche 5 R$ en treis vesez sem juro! come cita lo spot in sottofondo! (in tre rate senza interessi)

-No, nessuna parcela, pago a vista-
-Venga a parlare col responsabile... aspetti che lo chiamo!-

Aspetto un attimo ed ecco che arriva il ragazzo responsabile.
-Cosa voleva signora?- mi chiede sorridente.
-Volevo le All Star ma l'ultima volta erano meno costose... se non sbaglio erano appena sopra i 110R$-
-Posso concordar com a segnora... era assim mesmo- ripete senza perdere il sorriso, - ma queste sono della nuova serie e sono un po' più care!-
-Ok.... allora aspettiamo che si abbassino di nuovo- risponde pronto il mio Tomo.
- Aspettate un momento, mentre voi vi accomodate io vado a vedere in deposito se c'è qualcosa in stok del valore che volete, magari trovo qualcosa delle vecchia linea che incontra i vostri gusti!_
-Lei è un ottimo venditore- fa il Tomo parlandogli sopra...e il ragazzo fa un sorriso tipo; sgamato! ;-)
-Numero di piede della signora? E il colore?-
-In Italia il 39... qua in verità non lo so!E bianche grazie-
Il primo commesso mi accompagna alle poltrone e mi fa accomodare.
Ci intrattiene chiacchierando del più e del meno
L'altro torna con cinque scatole...
-Ci sono queste e possiamo farle il prezzo di 99.99 R$!!- Esorta entusiasta.
Mette le stringhe e me le mette al piede.

Io, a dirla tutta un po' mi imbarazza... mica sono abituata ad un ragazzo inginocchiato davanti a me che faccio la Cenerentola!

-Ops... sono grandi... molto!-
-Guardi, ho qua anche il 38!-
-Sono grandi anche queste... mi spiace!- Caspita se mi scoccia farli tribolare!
-Oh, nessun problema!- Si gira verso l'altro ragazzo- Um numero menor eu acho-

Aspetto e arriva il responsabile rammaricato...
-Del 37 abbiamo solo di jeans nero... quelle bianche costano, al minimo che posso fare, 130R$... sennò ci sono queste!-
E me le porge come se fosse la reliquia più bella del negozio!
-Rosse... a 99.99... - nemmeno aspetta una mia reazione e ripassa a quelle nere.
Io rimango folgorata... le rosse sono davvero belle... e allora dico
-Un attimo... le provo!-

Faccio di nuovo Cenerentola e ... perfette... sono perfette!
-Prendo queste! Mi conferma il valore?
-Claro que sim 99.99... fechado?-
-Fechado sim!- ^_^

Ce ne andiamo dopo aver stretto la mano almeno a quattro presone!
Sorridendo penso che qua le vendite non sono solo una semplice avventura... è un vero e proprio rituale!
I Love Brasil!



domenica 16 luglio 2017

Italiani all'estero... oggi mi gira di brutto e mi sfogo!

São Paulo, 16 luglio 2017

L'altro ieri scorrevo e leggevo post e commenti in un gruppo di italiani in Brasile... una sola cosa; bello schifo davvero, complimentoni!
Dopo aver letto l'ennesimo commento ho deciso di scrivere un post nel gruppo! Ho deciso di condividerlo con voi! (Ah, ad oggi nessuno ha ancora contestato le mie parole!)

-Lo volete sapere? Sono davvero schifata del vostro modo di pensare ed agire nel paese che vi ha accolto!
Non è possibile che vi lamentiate di tutto e sopratutto di tutti! Ma chi vi credete di essere? Pensate davvero di essere migliori di loro solo per il fatto di essere italiani? Pensate che dare dei deficienti ai brasiliani sia una cosa che vi rende onore? Pensate davvero che senza di voi il Brasile non se la caverebbe comunque? Vi ricordo che tra di noi ci sono di quegli "sveglioni"che ve li raccomando davvero!
Prima di scrivere questo post però, sono andata sulle vostre bacheche e da qualcuno ho letto che protestate degli stranieri che si lamentano in italia e che "Se non vi va bene l'italia tornate a casa vostra negri di merda!" E dopo aver scritto queste porcherie avete il coraggio di scassare il cazzo qua? Ma vi guardate allo specchio ogni tanto ipocriti che non siete altro?

Leggo poi dei commenti di incitazione; "Vai a fai vedere a quei burini di sudamericani quanto NOI siamo intelligenti, che smettessero di approfittare degli stranieri!" dopo che il brasiliano di turno ci ha provato!
Vorrei ricordare che a noi italiani non devono insegnarci nulla visto che siamo i primi noi ad approfittare degli stranieri in italia!  Non vorrei ricordarvi che a Roma E IN TUTTE LE CITTÀ TURISTICHE ci sono i "paninari" che vendono panini a 3 euro agli italiani e 15 agli stranieri... senza parlare dei prezzi assurdi di caffè, acqua e vestiti... no dico, ma pensate davvero di prendermi per il culo per caso?
Siete venuti qua per uscire dalla fogna italiana e fate pure i "fighaccioni"? Siete venuti qua con quattro soldi e avete pure il coraggio di fare gli "sboroni"? Ma fatemi un piacere va! Ringraziate solo che i brasiliani adorano l'italia e gli italiani, non vi meritate nemmeno un loro fottuto sorriso!
Anche io ho incontrato qualcuno che ha approfittato del fatto che fossi straniera, per carità,  ma ne ho incontrati tanti di più che hanno cercato di aiutarmi! Gli imbroglioni sono ovunque ma questo non vi da il diritto di dire "peste e corna" sul popolo che vi ha accolti!
Ora ve lo dico io una cosa: se non vi va bene qua, fate un favore a tutti quelli che amano questo paese; TORNATEVENE A CASA VOSTRA!-

PS: E poi mi chiedono perché non voglio frequentare gli italiani che vivono qua...
PPS. E oggi non chiedo neppure scusa per i linguaggio!

martedì 27 giugno 2017

Avete mai pensato alla bellezza di un fiume?

Avete mai pensato alla bellezza di un fiume?
No, non parlo dei torrenti che; o sono incazzati o sono vuoti... no, io parlo di quei grandi fiumi che scorrono lenti, placiti e sempre uguali. Che poi in fondo uguali non sono mai!
Non perdono mai nulla, sulle curve tolgono qualcosa all'esterno e lasciano qualcosa d'altro all'interno. E' un continuo fluire nonostante il movimento sia appena impercettibile, tutto immutato eppure nulla uguale.
A volte mi ricorda la Vita, o meglio... quello che la Vita dovrebbe essere. La Vita che toglie e la Vita che da, in continua evoluzione.
Da un'occhiata superficiale il fiume non da segni di mutamento, no, quello si nota solo dalle sponde, dalla grandezza degli alberi e dalla presenza o mancanza di foglie, da più ghiaia o da meno rocce.
Poco importa se ci sia tanta acqua o meno... potrebbe anche seccarsi ma alla prima poggia tornerà a scorrere. Potranno anche scaricagli quantità immense di spazzatura, liquami e porcherie, ma con il suo scorrere continuo e con l'aggiunta di altri fiumi minori tornerà di nuovo limpido, e per quanto male noi possiamo infliggergli lui tornerà sempre pulito!
Avrà sempre la meglio su tutto e su tutti, per poi con pace infinita, andrà a ricongiungersi al grande mare...