lunedì 17 gennaio 2011

Stasera faccio visita a me stessa; speriamo di essere in casa!

Eccomi qua dopo tanto pensare...


Sì... e quello che ne viene fuori ha dell'incredibile! Penso di avere un indole affine alla pazzia e son sempre più convinta che la "beata ignoranza" sia stata veramente sottovalutata!

Che c'è di male ad ignorare tutto? Io ho cercato e cerco tutt'ora  la mia collocazione nel mondo e non la trovo... Averla cercata e continuare a farlo, non è che aiuta molto, anzi, crea confusione e frustrazione! Ho mille domande, mille perplessità che mi soffocano il cervello. I "chi sono", "dove vado", "che ci faccio qua" e "sarà giusto" vanno per la maggiore!
Io non ho certezze e nemmeno le cerco, per carità, vorrebbe dire che ho smesso di cercare... ma a 'sto punto cercare almeno qualche risposta a che serve se le risposte alla fine  son sempre di più? A che serve se risposte generano altrettante domande?

Quasi che, dopo una vita di letargia, in questi ultimi anni avessi tenuto in cervello in elaborazione e ora le domande si accavallano sempre di più e sempre più insistenti!
E  non racconto delle conclusioni a cui arrivo!
Meno male che ne posso parlare col mio migliore amico, sennò impazzirei, ma lo conosco  bene che le sue risposte le so già!
Mi ama talmente tanto che ascolta qualsiasi mia teoria! Se ne discute è vero, lui dice la sua e io la mia, segue ogni assurdità contorta partorita dal mio essere e ci rilette, come del resto faccio io... ma se queste mie teorie le raccontassi ad altri...

Se davvero raccontassi le mie conclusioni, chi mi ascolta come potrebbe reagire? Se davvero chiedessi a chiunque incontri; qual'è la differenza tra chi uccide per rabbia e frustrazione e il poliziotto o chi per lui, che  uccide per ordine e dovere? So che c'è differenza, so che c'è una sottile linea che delimita il bene e il male... ma questa suddetta linea chi l'ha messa in quella posizione?  e... chi è che giudica? e se lo fa, è giusto che lo faccia? Qual'è la morale che ci mette dalla parte giusta o dalla parte sbagliata?


A volte vorrei che le mie uniche domande fossero che vestiti mettere al mattino e che film andare a vedere con le amiche, lo vorrei davvero... invece no!...
Sto qua ad arrovellarmi su discorsi esistenziali, viaggi  introspettivi e letture spirituali, ascoltando le mie capacità sensoriali sempre più forti ma, provando in fine una sorta di insoddisfazione perché trovata una risposta, altre mille domande si affacciano!





Parlando di questo con la mia amica Michela le ho chiesto; ma sono io quella anormale nel mondo?
La curiosità è davvero  segno di intelligenza o fare tante domande è solo  una forma latente di pazzia?


Io stasera torno a fare visita a me stessa; speriamo di essere in casa!

20 commenti:

  1. Prima di tutto belle queste foto, è sempre suggestivo guardare un tramonto.
    Il titolo del tuo post è sempre un pò stravagante! sei tu! e così mi piaci cara Sara! ti abbraccio forte,
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Le foto le ho fatte in toscana lo scorso settembre e ho scelto quelle perché il tramonto a me porta alla riflessione!

    Si, sono stravagante di mio e non so più quale sia il mio IO!

    Ma si dice che basta chiedere e l'universo in qualche forma risponderà! Speriamo... ho bisogno di risposte, e se si legge il mio post... mi sa che si capisce! :-)
    Un abbraccio forte a te!
    Sara

    RispondiElimina
  3. Io sono sempre del parere di essere se stessi in tutto;meglio non nascondersi sotto false spoglie,dove uno riesce a non trovare una propria identità.Complimenti per i post ,sempre molto profondi .Buon inizio di settimana,saluti a presto

    RispondiElimina
  4. Effettivamente le foto sono veramente molto belle...
    Per quanto riguarda le risposte alle tue domande non credo di essere la persona più idonea a rispondere, visto che molte delle tue domande sono anche le mie... e le mie risposte sono a volte molto contraddittorie... per cui meglio che non ti confondo pure io altrimenti.... non ci capisci più nulla!!!
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  5. Grazie Cavaliere...sono post profondi ma non abbastanza! Se fossi scesa così in profondità avrei già trovato il centro di me stessa! :-)
    Ma tutto bene, io continuo a scavare anche se a volte quello che trovo mi spaventa un poco, succede di incontrare il lato oscuro di me stessa e mi lascia sempre un poco basita! Ma succede anche che, per contro, incontro anche lati di me che non mi dispiacciono affatto, tutto sta a farli convivere!
    Grazie di nuovo!!
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Bentrovata P&M!
    Io invece penso che tutti siano idonei a dire la loro e tu non mi sembri così sprovveduta, anzi! Certo... capisco che se tu hai le mie stesse domande, difficile dare risposte e questo mi consola un poco, a volte il mal comune da davvero mezzo gaudio! :-)
    Un abbraccio stretto e.. a presto!!
    Sara

    RispondiElimina
  7. Ciao SAra... condivido con te la frustrazione... avere mille domande e nessuna risposta è davvero snervante, soprattutto quando finalmente arriva qualche piccola risposta che non fa altro che creare altre domande.
    Per il fatto di "scavare" dentro te, se vuoi i soci di mio padre hanno uno scavatore.. se ti può servire hihi...
    Scherzi a parte... continua a scavare e a scoprire tutti i tuoi lati per trovare il tuo vero IO.. poi quando ti volterai vedrai che intorno a te ci saranno solo amici veri, quelli che ti accettano e ti vogliono bene per quella che sei, che non ti giudicano e ti apprezzano proprio perchè sei formata da tanti lati e non solo uno ... ognuno di noi è un fiore con tanti petali, che nell'insieme formano il fiore, gli amici veri vedono il fiore, gli altri solo un petali :-)
    un bacioneeee dal FVG
    s.c.

    RispondiElimina
  8. "La curiosità è davvero segno di intelligenza o fare tante domande è solo una forma latente di pazzia?"
    Questa tua domanda è già di per se un enigma. La vita è un enorme contenitore da riempire, alcune volte ci metti cose buone, altre...
    Ma vale la pena comunque di viverla..oppure no? Un saluto, guarda che ti seguo, ciao Tizi

    RispondiElimina
  9. ma che è successo la tuo blog? vado via qualche giorno e guarda qua quanta bellagente! finalmente l'attenzione che ti meriti, brava!
    so che scava scava trovi quel che cerchi, torna indietro qualche mese e vedi la differenza.
    continua così!
    MP

    RispondiElimina
  10. Be' Silvia.. un escavatore non si rifiuta mai! :-)

    Quella dei petali e del fiore è una metafora bellissima davvero! Grazie delle belle parole vedrò allora di aggiungere sempre più petali nel mio fiore!!
    Un abbraccio fortissimo gioia!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Tiziana!
    Mi rendo conto che tutto il post in se è abbastanza enigmatico, ma è proprio il sentimento che mi accompagnava nel mio scritto! :-)

    Io trovo che la curiosità, se troppa e se non trova risposta porta davvero ad una "latente pazzia"... uno chiede chiede chiede e solo silenzio...

    Ma certo che vale la pena, mai avuto un dubbio in tal proposito!
    La vita va vissuta in tutta la sua pienezza, disperazione e, perché no, pazzia! Se mi seguirai come hai detto vedrai che la mia vita è fatta di piccole incazzature e grandi felicità frammentate a riflessomi più o meno profonde...
    La vita è davvero bella!
    Grazie di essere passata, ora vengo a trovarti!
    Ciao e a presto!

    RispondiElimina
  12. Ciao MP.. che fine avevi fatto?

    Hai visto che bello e che belle persone sono entrate nel mio paradiso?
    Il fatto che me lo meriti.. non so, vediamo se riusciranno a sopportarmi ancora per molto... com'è quella pubblicità? se la conosci la eviti! :D
    Un abbraccio anche a te e grazie!!

    RispondiElimina
  13. Cara Sara è proprio quello che volevo dirti, "la vita è come una scatola di cioccolatini, non sai quello che ti capita" una cine-citazione che ci sta bene. "la vita va vissuta...oppure no?" non voleva certo essere affermazione, ma uno spunto di conversazione. Per me vale assolutamente la pena di viverla. Ciao, grazie per essere passata di là.

    RispondiElimina
  14. La pazzia è una delle doti essenziali per farsi domande, anche perchè i ben pensanti sono soliti attribuire a cotanta irrazionalità i problemi legati ai turbamenti interiori. Nel corso della storia, soprattutto per quanto riguarda le figure femminili, la pazzia era attribuita a coloro che uscivano dal coro e la pensavano diversamente dagli acculturati, per circoscriverli e denigrarli. Ora questo espediente è acuito da un complessivo livellamento verso il basso, e sottolineo un livello d'inteligenza e non di mera distribuzione nozionistica.
    Evviva la "pazzia"...:-D

    RispondiElimina
  15. Ciao Tiziana... è questo che amo più del blog, ma non succede quasi mai; la discussione e il confronto... mi piace il botta e risposta, è davvero costruttiva!!
    So che la tua non era un affermazione e io ribadisco che la vita va vissuta...
    Si, anche Forrest Gump nella sua "pazzia" sapeva bene cos'è la vita!
    Con affetto..
    Sara

    RispondiElimina
  16. Praticamente Mark mi stai dicendo che per fortuna vivo in questa epoca e non nel periodo della santa Inquisizione.. altrimenti finirei al rogo?
    A parte le battute, che spero non ti diano fastidio, questo parlare con tutti voi, mi porta a qualche risposta, ma ma ne fa nascere altre:
    pensi che l'interesse dei benpensanti sia anche quella di sopire la curiosità?
    In fondo,se si guarda bene, il controllo delle masse è tenere il popolo ignorante, più il livello è basso, più è controllabile... ho capito bene?
    Mmmh... interessate!

    RispondiElimina
  17. Un post molto profondo con delle sfaccettature ben delineate del proprio ego!!!
    E devo dire che non si è nè pazzi nè anormali... si è solo se stessi!!!
    E in cuor mio son felice di leggere questa tua in'introspezione sottile e attenta che porta ad una riflessione molto più complessa!!!
    Ciao cara Sara grazie della visita... un abbraccio affettuoso per augurarti una felice serata!!!

    RispondiElimina
  18. Grazie a te Paola della visita e della tua affermazione; "siamo solo noi stessi",solo un opinione senza giudizi! Grazie!
    L'introspezione, da qualche anno a sta parte, è diventata una costante... solo che a volte mi manda in un totale trip! ;-)

    Prendo il tuo abbraccio e lo contraccambio con un altrettanto stretto!!
    Buona serata a te...
    Ciao!

    RispondiElimina
  19. Ciao cara Sara,molto bello il tuo post,e le foto.ti auguro una buona serata.nonna di Sara gianna.

    RispondiElimina
  20. Ciao Gianna Nonna di Sara, ben trovata!
    Contenta che ti sia piaciuto.. spero di rivederti presto!!
    Ciao e buona serata!!

    RispondiElimina

Purtroppo causa mentecatti che mi stanno spammando ho dovuto mettere la moderazione dei commenti... scusate ma a mentecatti estremi... estremi rimedi! ;-)