giovedì 6 maggio 2021

Monologo interiore... le direi.

 


L'altro giorno ho raccontato come io abbia conosciuto Maestro Chen  e rileggendo mi sono tornate alla mente le parole di Danly che a loro volta hanno riportato ricordi lontani. Come in una catena, anello dopo anello sono stata riportata a quando ho iniziato a fare pace col mio passato. E' stata dura, ma ne è valsa la pena!
E' successo una decina di anni fa, o perlomeno quel giorno è stato l'inizio, la chiusura del cerchio è stata proprio quel giorno al Samgha. Qualche anno prima avevo scritto Le direi, un monologo interiore che mi ha aiutata tanto all'elaborazione di grandi dolori!
Lo rimetto qua perché sento la necessità di non dimenticare da dove arrivo e di come io sia arrivata qua!


L'altro giorno ho visto un film, Faccia a faccia, un film della Walt Disney, dove Bruce Willis incontra un se stesso di otto anni.... 

Ma non è del film  che voglio parlare, ma di cosa potrei dire se incontrassi una me stessa di dieci anni... Beh.. sarebbe meraviglioso... quante cose vorrei dirle e quanto sarebbe diverso ora! 

Vorrei incontrarla una di quelle Sue notti invase da incubi, quando spaurita  e in lacrime andava dalla mamma chiedendo di dormire con lei e... che lei puntualmente le diceva si tornare nel suo   letto...

Le direi che non deve avere paura, che i sogni sono solo sogni, mi accoccolerei vicino e le canterei una canzone. Le direi che il giorno dopo deve parlare con mamma e dirle cosa Le è  successo..
Ma mi hanno detto che se lo dicevo alla mamma poi lei mi avrebbe picchiato...-
- No piccolina, la mamma non ti picchierebbe mai, anzi, quelli da picchiare sono Loro. Sono Loro, gli adulti e non ti dovevano fare nulla... tu spiega alla mamma cosa ti hanno fatto e vedrai che tutto prenderà una visone diversa!-
Ma ne ho parlato col prete in confessione e lui non mi ha detto nulla, non mi ha assolto, anzi,  mi ha fatto capire che sono una bambina cattiva... se non mi predona Lui e Dio, come può farlo la mamma?-
-Hai ragione... ma tu non devi credere sempre a quello che gli adulti ti dicono... non sempre sono sinceri.  Quello che ti hanno fatto non dovevano farlo. Tu ascolta sempre mamma e papà, loro ti amano tantissimo e non ti mentirebbero mai! Perciò domani appena sveglia andrai a raccontare a mamma e papà che ti hanno fatto...-

Le direi che anche l'amico dello zio è una persona che deve evitare... che con lui non deve andare...
Ma lui aveva detto che era un mio amico, aveva una bella bambina  e una moglie che con me era tanto gentile... E poi mi ha detto che quello che mi ha fatto è stata solo colpa mia, che sono io che l'ho provocato!-
-Lo so piccina, mi ricordo... Ma tu stagli lontano e non permettere che ti tocchi, stai sempre vicino a qualcuno e non rimanere indietro con lui! E non credergli,  non sei stata tu a provocarlo tu sei ancora piccola, come potresti... E non credere ad una sola parola di quello che ti dirà! Le minacce di raccontare tutto alla mamma son false, lui non dirà mai nulla! 
Ma io l'ho visto che andava a parlare con la mamma e mi guardavano... io ho sempre avuto paura... Ogni volta che mamma mi chiamava pensavo che mi avrebbe picchiato per quello che Lui le aveva detto!-
-Si è vero, ma non è di quello che hanno parlato! La mamma non ha saputo nulla... glielo detto io quando ormai avevo vent'anni e sia la mamma che papà mi hanno chiesto perché non avessi parlato con loro...erano tanto dispiaciuti per Te...-

Le direi che lei è una brava bambina, che non deve sentirsi sporca...
Ma tutti mi prendevano in giro... i compagni di scuola mi picchiavano e mi sputavano addosso ogni giorno.. se fossi stata una brava bambina  non lo avrebbero fatto! E  mamma e papà sarebbero venuti a prendermi... invece mi dicevano che dovevo arrangiarmi, che ormai ero grande e se non sapevo difendermi me lo meritavo!-
-E' tutto vero.. ma devi sapere che i bambini son  crudeli... la tua unica colpa è stata quella di essere una forestiera un un paese di ottusi. Ti hanno picchiato, presi a calci nello stomaco e sulla testa, e se ti hanno sputato addosso perché era quello che sapevano far meglio. Mamma e papà era presi dal lavoro e da un paese che non li hanno mai voluti! Poi la rabbia ti avrà fatto intendere cose diverse, mamma e papà ti hanno adorato credimi, adesso lo so con certezza...-

Le direi che è e resterà sempre la principessa di papà... che nonostante fosse perennemente una principessa con le ginocchia e i gomiti sbucciati, papà è stato un gran papà e l'ha sempre trattata al pari... che non ha mai smesso un attimo di amarla, anche se a lei a volte non sembrava così...
-Ma se mi faceva lavorare tanto! Andavo a scuola a al pomeriggio lavoravo fino alle sei di sera per poi andare a preparare la cena... Dopo cena lavavo i piatti e poi facevo i compiti! Non potevo mai giocare, dovevo solo lavorare lavorare e lavorare ancora! Le mia amiche di scuola si trovavano a giocare dalle suore e io non potevo mai andarci! Non è giusto!-
-Anche qua hai ragione piccola... ma era così che funzionava all'epoca, non odiarli per questo, papà era convinto che fosse il modo giusto per educare te e nostro fratello...-
-Si per poi fare anche una sorella e farla crescere a me nel mio poco tempo libero!-
-Sì, ma non lo hanno fatto apposta... quando nacque ci furono grossi problemi... ricordi?-
-Si ma io...-
-Ti capisco piccinina... ma tu sei stata d'aiuto, sei stata quello di cui loro avevano bisogno... magari hanno preteso tanto, troppo da una bambina di 10 anni.. ma è così e tu non puoi fare nulla se non accettare...-

Le direi che mi è dispiaciuto non amarla come averi dovuto, che averi voluta stingerla  e coccolarla invece di farla sentire sporca, che ci mi spiace per quello che passato. 
-Perdonami se non ti ho amato come avresti meritato... mi ci son voluti quarantacinque anni  prima di capirlo, ma sappi che ora ti voglio bene piccolina mia, tanto tanto bene!
Mi raccomando, tieni duro che tutto passa... Lo so che  anche le cose belle passano, ma il bello è che passano anche quelle brutte e tu cerca di ricordare sempre le migliori.
Perdona sempre... nessuno ti dirà mai di dimenticare ma se riuscirai a perdonare la tua vita sarà migliore... Sorridi sempre anche quando la mano che ti capiterà sarà delle peggiori...
Sii più tollerante e ama, ama tanto e ama tutti
!-

Le direi... 
-Ora dormi che che è tardi... buonanotte piccolina...sogni d'oro per tutta la vita -
-Va bene... buonanotte e... a presto!-

14 commenti:

  1. Leggo e rimango a bocca aperta. Anche il brutto passa, hai ragione, e ora sei qui con una vita splendida, hai avuto paura allora, hai sofferto l'indicibile ma ora sei qui con una te stessa tutta nuova capace di parlare, cuore in mano, alla bimba che sei stata. Ed è come un confidarti ora, un comprenderti ed un volerti bene come nessuno potrebbe volertene mai. Non dimenticherai mai come sei arrivata e la splendida Sara che sei. E grazie! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco Franco, mi hai commossa e ora piango!
      È vero, amo quella bimba come mai avrei pensato di amare... L'amo per ciò che ha passato e subito ma amo ancora più me stessa per non aver affossato la mia vita in distruttivi rancori.
      Ciò che mi stato fatto fa di me ciò che ero destinata a diventare e per questo provo gratitudine, anche verso i miei carnefici.
      Hai ragione, ho una vita splendida nella mia consapevolezza e nella mia pace, anche se ogni tanto me ne dimentico!
      Grazie a Te caro Franco, sei una persona speciale!
      Ti abbraccio!

      Elimina
  2. Io le direi che tutto quello che ha vissuto, anche se lei allora non ci pensava, l'ha resa una donna molto coraggiosa e forte. Così forte da aver saputo perdonare. Non è mica da tutti. E poi l'abbraccerei e la terrei stretta, come merita💜💜💜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariella, di sicuro lo farebbe a sua volta!
      Bacio grande ❤️

      Elimina
  3. Questo racconto mi ha lasciata a bocca aperta e senza parole. Non ti conosco, ma penso col cuore che abbraccerei la parte di te che ha saputo perdonare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io accetto l'abbraccio e ti ringrazio tanto.. di cuore! Ti abbraccio pure io!❤️
      Ciao Marina e ben trovata!

      Elimina
  4. Questa è una storia triste di una mia amica.lei non ha saputo lasciare andare il male ricevuto ..
    ho letto questo post ..e piangendo ..ma abbraccio la bambina /donna che sei diventata
    ABBRACCIO IMMENSO ti mando una buonissima energia !
    storia mia amica: ..anni inizio 60 famiglia padre ,madre ,1 bambino 6anni bambina 4 ..famiglia tenore normale ma con zii ricchi e senza figli ..ogni tanto i bambini andavano a star dagli zii ,regali e vacanze dorate ..la bambina 4 anni dice alla mamma zio mi fà male ..non viene ascoltata ..più grande zio fà cose brutte con me ..e non viene ascoltata anzi zittita ,lo zio ci regala tante cose ,cosa inventi? questo và avanti fino a che la bambina FINALMENTE ha il coraggio di dirlo alla nonna paterna ,unica persona NORMALE della famiglia ! nonna prende nipote con sè la porta via da famiglia orrori ..e la fà crescere lontana dalla sua famiglia mostruosa ..con gli anni lei cresce studia ,trova uomo che le vuole un mondo di bene, ha figlia ,un bel lavoro..ma un grande buco dentro ..che non riesce a colmare soffre di bulimia e anoressia ..insomma nonostante la nonna ,marito ,figlia che le vogliono un mondo di bene non riesce a dimenticare ..una volta mi ha detto :non è il male (che penso per una bimba sia stato grande ) ma il non esser stata creduta da mamma !
    adesso se n'è andata da un pò di anni stroncata da un infarto ,secondo me dovuto al grande dolore che aveva dentro ...spero ardentemente che dove si trova adesso sia libera e felice ;)
    ah la famiglia han ereditato piccolo patrimonio da zii..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono situazioni che sono impossibili da perdonare e mi spiace per questa donna e il finale è ancora più squallido... Ora sarà in pace ❤️

      Elimina
  5. Io alla mia bambina piccola dire ;
    Appena sei maggiorenne va via da lì..adesso porta pazienza .tanta pazienza .fai quello che dicono ..tante cose per una bambina lo so ..se puoi nasconditi nei tuoi amati libri..ma appena e possibile VA VIA!!

    CIAO

    RispondiElimina
  6. IL tuo racconto è toccante e straordinario per lucidità e capacità di riemergere da situazioni difficili da vivere e raccontare. Grazie!
    Auguri madre di te stessa. :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a Te Sari!
      Ti abbraccio forte forte!❤️

      Elimina